The Rake's Progress

The Rake's Progress

Oper in drei Akten

Libretto

Wystan Hugh Auden und Chester Kallman

Uraufführung

11. September 1951, Venedig (Teatro La Fenice)

Besetzung

TRULOVE (Bass)
ANN, seine Tochter (Sopran)
TOM RAKEWELL (Tenor
NICK SHADOW (Bariton)
MUTTER GOOSE (Alt)
BABA, genannt Türkenbab (Mezzosopran)
SELLEM, ein Auktionator (Tenor)
EIN WÄRTER IM IRRENHAUS (Bass)

Diener, Dirnen, Irre, Burschen und Bürger

Ort

England

Zeit

18. Jahrhundert

Strawinsky, Igor

Stravinsky, Igor Fyodorovich
17.6.1882 Oranienbaum, (St. Peterburg) - 6.4.1971 New York


Bühnenwerke
mit Datum/Ort der Uraufführung:

Solovey [Le rossignol] (26.5.1914 Paris)
Bayka [Renard] (1916; 18.5.1922 Paris)
Pulcinella (15.5.1920 Paris)
Mavra (3.6.1922 Paris)
Svadebka [Les noces] (13.6.1923 Paris)
Oedipus rex (30.5.1927 Paris*; 23.2.1928 Wien)
Perséphone (30.4.1934 Paris)
Oedipus rex [rev] (1948; ?)
Perséphone [rev] (1949; ?)
The Rake's Progress (11.9.1951 Venezia)
Noah and the Flood [The Flood] (14.6.1962 CBS*; 30.4.1963 Hamburg)
rev = Bearbeitung / * = konzertant



ERSTER AKT
Tom Rakewell und Ann Trulove sind verlobt und glücklich; Anns Vater möchte Tom gerne eine bürgerliche Arbeit besorgen, weil er seinem leichtfertigen Charakter nicht traut. Während sich Tom den Vorschlag seines Schwiegervaters überlegt, kommt ein Fremder, der sich als Nick Shadow vorstellt und Tom mitteilt, dass er eine grosse Erbschaft gemacht hat. Tom ist glücklich und bricht mit Shadow, der ihm ein Jahr dienen will, nach London auf. Vorher gelobt er Ann Treue. Tom und Shadow führen in London ein fröhliches Leben. Shadow, in Wirklichkeit der Teufel, gelingt es, Tom immer mehr ins Verderben zu stürzen. Ann, die zu Hause noch keine Nachricht von ihrem Verlobten hat, beschliesst, ohne Wissen ihres Vaters nach London zu fahren und Tom zu suchen.

ZWEITER AKT
Ann kommt gerade nach London, als sich Tom auf Shadows Rat mit der bärtigen Türkenbab trauen lässt. Vergeblich versucht Ann, ihren Verlobten auf den rechten Weg zurückzubringen, schliesslich geht sie traurig davon.
Türkenbab, die über die Kälte ihres Mannes zornig ist, keift unentwegt und zerschlägt die Möbel. Shadow, der dazukommt, versucht, Tom einen neuen Plan schmackhaft zu machen. Er gaukelt ihm eine geniale Erfindung vor, die ihn in die Lage versetzt, Steine in Brot zu verwandeln. Tom ist schliesslich bereit, den Rest seines Vermögens für die Finanzierung der Erfindung auszugeben.

DRITTER AKT
Tom hat sein ganzes Vermögen durchgebracht und ist bankrott. Als die Gläubiger ihn pfänden, kommt Ann, die von Türkenbab aufgefordert wird, Tom von Shadows bösen Einfluss zu befreien. Ein Jahr ist verstrichen. Auf dem Friedhof, auf den Shadow Tom führt, fordert der Teufel den noch ausstehenden Lohn. Weil Tom nicht zahlen kann, soll ein Kartenspiel, in dem Tom drei Karten erraten soll, zwischen ihnen entscheiden. Anns ferne Stimme, die ihm in ihrer unbeirrbaren Treue immer noch folgt, lässt Tom gewinnen, während Shadow ins Grab sinkt, vorher aber Tom mit einem furchtbaren Fluch den Verstand raubt.
In dem Wahn, Adonis zu sein, lebt Tom im Irrenhaus, dessen Insassen ihn verspotten. Wieder verlangt er nach Ann, in der er Venus sieht und die ihn in den Schlaf singen soll. Ann tritt an Toms Bett, singt ihm ein Wiegenlied und entfernt sich. Als Tom aufwacht und nach Ann sucht, kann er sie nicht mehr sehen und beschuldigt die Irren, ihm seine Venus geraubt zu haben. Völlig am Ende, sinkt er tot auf sein Lager.

ATTO PRIMO
Scena prima.
In Inghilterra nel XVIII secolo, nel giardino della casa di campagna dei Trulove. Anne Trulove e Tom Rakewell si scambiano tenere parole d’amore, ma sono interrotti dal sopraggiungere di Trulove, padre della fanciulla, che intende offrire al futuro genero un lavoro come contabile (“The woods are green”). Ma ben altre sono le aspirazioni del giovane, che dapprima rifiuta l’offerta e poi espone la sua scanzonata filosofia di vita (“Since it is not by merit”). A smorzare le preoccupazioni di Trulove giunge uno sconosciuto, tale Nick Shadow: ha l’incarico di comunicare a Rakewell che la morte di un vecchio zio ha fatto di lui un uomo ricco, e che ora dovrà recarsi a Londra in sua compagnia per l’eredità. L’annuncio viene accolto con comprensibile entusiasmo (quartetto “I wished but once”). Rakewell e Anne si lasciano con un affettuoso ‘arrivederci’ (“Farewell, farewell”), mentre Shadow dichiara che per la sua ricompensa attenderà un anno e un giorno. Segue un ulteriore congedo tra Rakewell, Anne e Trulove (“Laughter and light”).
Scena seconda.
Nel bordello di Mother Goose, a Londra. Prostitute e ragazzi elevano un canto in onore di Venere e Marte (“With air commanding and weapon handy”). Shadow ha condotto qui Rakewell per fargli conoscere i piaceri della vita, e lo ha nel frattempo istruito sul reale significato di concetti quali la bellezza, il piacere e l’amore; cosicché, quando la tenutaria si rivolge al giovane per saggiare la sua preparazione alla vita, questi risponde perfettamente. Il parlare dell’amore tuttavia ingenera in lui un sentimento di nostalgia per Anne. Ora vorrebbe andarsene, è tardi, un orologio batte l’una; ma con un solo gesto Shadow fa ritornare le lancette sulla mezzanotte, affermando che il tempo è loro e bisogna divertirsi. Rakewell si rivolge ad Amore affinché accolga la sua tristezza (cavatina “Love, too frequently betrayed”): le prostitute vorrebbero consolarlo a modo loro, ma è Mother Goose a rivendicare i propri diritti di anzianità sulle altre e ad allontanarsi con lui.
Scena terza.
Notte di luna piena, nel giardino di Trulove. Anne confida alla notte la propria disperazione per il mancato ritorno di Rakewell; il padre interviene per richiamarla, ma ella ha ormai deciso di andare a cercarlo, e invoca la luna di guidarla nel suo cammino (aria e cabaletta “Quietly, night, O find him and caress... I go, I go to him”).

ATTO SECONDO
Scena prima.
La camera da letto nella casa di Rakewell, in un elegante quartiere di Londra. Rakewell lamenta la propria condizione di uomo annoiato e vacuo, anche se conduce una vita brillante (“Vary the song, O London, change!”). Irrompe allora Shadow che, mostrandogli il ritratto di Baba la turca, una orrenda donna da circo con tanto di barba nera, irretisce completamente l’amico con le sue argomentazioni e lo piega alla sua folle volontà di fargliela prendere in moglie (aria di Shadow “In youth the panting slave”). Una sinistra risata dei due suggella l’accordo: Rakewell sposerà Baba, liberandosi così in un colpo solo sia della passione sia della ragione, i tiranni che gli impediscono di essere un uomo libero (duetto “My tale shall be told”). Scena seconda . La strada di fronte alla casa di Rakewell. È autunno, di sera. Anne non sa se entrare nell’appartamento di Rakewell (“Although the heart for love dare everything”); quindi si mette in disparte per lasciar passare una processione di servi, che incedono tenendo sollevata una portantina; appare Rakewell che, imbarazzato dalla presenza della fanciulla, tenta di convincerla di tornare a casa contro la sua volontà (duetto “Anne, here!”). Si sente la voce di Baba che, bloccata nella portantina, da cui non riesce a scendere, reclama le attenzioni del marito. Rakewell confessa ad Anne che quella è la sua sposa, e tranquillizza Baba dicendole che la donna che gli sta parlando non è altro che una lattaia, venuta a reclamare un antico debito (terzetto “Could it then”). Richiamata intanto dai servitori, sopraggiunge la folla ad acclamare Baba; la donna, per compiacere il suo pubblico, si toglie il velo che copriva la sua folta barba nera.
Scena terza.
Nella camera di Rakewell. Scene di vita domestica: Baba continua a parlare (“As I was saying”), irritando Rakewell, che la respinge in malo modo, convinto ormai che solo il sonno possa costituire un rimedio alla sua infelicità. Mentre Rakewell è addormentato e sognante (Pantomima), giunge Shadow con una strana macchina che tramuta la pietra in fette di pane; e quando Rakewell gli racconta di aver sognato una macchina simile, gliela mostra. Rakewell grida al miracolo ed è raggiante perché ora, costruendo altre macchine simili, potrà debellare la fame e la povertà e guadagnarsi così la gratitudine della gente (duetto “Thanks to this excellent device”).

ATTO TERZO
Scena prima.
Nella camera di Rakewell a Londra. Un gruppo di borghesi – tra i quali è anche Anne, sempre invano alla ricerca di Rakewell – s’è dato convegno nell’appartamento del libertino, dove un banditore, Sellem, si appresta a mettere all’asta tutti i beni accumulati da Rakewell nella sua smania di ricchezza (“Who hears me, knows me”). Tra i vari oggetti – animali, vegetali e minerali – vi è pure Baba, celata da una grossa parrucca. Una volta ‘scoperchiata’, la donna è pronta a riprendere il discorso interrotto nella scena precedente (“Sold, annoyed!”). Dalla strada si odono le voci scanzonate di Rakewell e Shadow cantare «Mogli vecchie in vendita». Prima di decidere di far ritorno al circo, Baba rassicura Anne sull’amore di Rakewell (“You love him”).
Scena seconda.
Cimitero, in una notte senza stelle. Un anno e un giorno sono ormai trascorsi e Shadow reclama i propri diritti. In cambio dei suoi servigi egli non vuole denaro, ma l’anima di Rakewell: gli lascia tuttavia un’estrema possibilità di salvezza, indovinare cioè le tre carte che ora estrarrà da un mazzo. Con l’aiuto dell’amore di Anne, sua regina di cuori, Rakewell vince. Prima di sprofondare nel ghiaccio e nel fuoco Shadow, con un ultimo gesto di magia, toglie a Rakewell la ragione (duetto “Well, then... My heart is wild with fear”).
Scena terza.
Nel manicomio, Rakewell invita le ombre degli eroi a esultare con lui per l’imminente arrivo di Venere, in visita al suo Adone (“Prepare yourselves, heroic shades”); un gruppo di pazzi lo motteggia (“Madmen’s words are all untrue” e “Leave all love and hope behind”). Arriva Anne, e il guardiano del manicomio la avvisa che Rakewell risponde solo se è chiamato Adone, e che a sua volta si rivolgerà a lei chiamandola Venere. Dopo averle chiesto perdono dei suoi peccati (“In a foolish dream”), Adone/Rakewell chiede ad Anne/Venere di cantare una canzone per addormentarlo: la ninna-nanna di Anne ottiene l’effetto desiderato (“Gently, little boat”). Il guardiano fa ora entrare Trulove, che invita la figlia a venir via con lui, giacché la bella favola d’amore è finita (duettino “Every wearied body must”). Risvegliatosi, Rakewell chiede dove sia finita la sua Venere, ma i pazzi gli dicono che non c’è stata nessuna Venere in manicomio. Infine, sentendo la morte appressarsi, invita Orfeo a intonare il canto del cigno e prega le ninfe e i pastori di compiangere Adone morente (“Where art thou, Venus?”).

EPILOGO
Richiamati da Shadow, che ferma con un gesto la calata del sipario, tutti i protagonisti appaiono alla ribalta per affermare la morale, ossia che il diavolo trova lavoro per tutti gli oziosi (“Good people, just a moment”).

Aus Gründen des Copyrights darf dieses Libretto leider noch nicht veröffentlicht werden.