Lucrezia Borgia

Lucrezia Borgia

Libretto

Felice Romani
after Victor Hugo

Premiere

26 December 1833: Milano (Teatro alla Scala)

Cast

ALFONSO, Duke of Ferrara (Bass)
LUCREZIA BORGIA, his wife (Soprano)
GENNARO, a young mercenary (Tenor)
MAFFIO ORSINI, a Roman nobleman (Contralto)
JEPPO LIVEROTTO, a young gentleman (Tenor)
APOSTOLO GAZELLE, a gentleman from Naples (Bass)
ASCANIO PETRUCCI, a Sienese nobleman (Bass)
OLOFERNO VITELLOZZO, another nobleman (Tenor)
GUBETTA, a Spaniard, secret agent of Lucrezia (Bass)
RUSTIGHELLO, secret agent of Duke Alfonso (Tenor)
ASTOLFO, a robber in the service of the Borgia (Bass)
An USHER
A CUPBEARER

Gentlemen, ladies, masks, henchmen, courtiers, voices within

Place

Venice and Ferrara

Time

Early 16th century

Donizetti, Gaetano

Donizetti, (Domenico) Gaetano (Maria)
29.11.1797 Bergamo - 8.4.1848 Bergamo


Works for stage
with date/place of first performance:

Il Pigmalione (1816; 13.10.1960 Bergamo)
Enrico di Borgogna (14.11.1818 Venezia)
Una follia (17.12.1818 Venezia)
Le nozze in villa (1821? Mantova)
Il falegname di Livonia, ossia Pietro il grande (26.12.1819 Venezia)
Zoraïda di Granata (28.1.1822 Roma)
La zingara (12.5.1822 Napoli)
La lettera anonima (29.6.1822 Napoli)
Chiara e Serafina, ossia I pirati (26.10.1822 Milano)
Alfredo il grande (2.7.1823 Napoli)
Il fortunato inganno (3.9.1823 Napoli)
Zoraïda di Granata [rev] (7.1.1824 Roma)
L'ajo nell'imbarazzo (4.2.1824 Roma)
Emilia di Liverpool [L'eremitaggio di Liverpool] (28.7.1824 Napoli)
Alahor in Granata (7.1.1826 Palermo)
Don Gregorio [rev L'ajo nell'imbarazzo] (11.6.1826 Napoli)
Elvida (6.7.1826 Napoli)
Gabriella di Vergy [Gabriella] (1826; 29.11.1869 Napoli)
Olivo e Pasquale (7.1.1827 Roma)
Olivo e Pasquale [rev] (1.9.1827 Napoli)
Otto mesi in due ore [Gli esiliati in Siberia] (13.5.1827 Napoli)
Il borgomastro di Saardam (19.8.1827 Napoli)
Le convenienze teatrali (21.11.1827 Napoli)
L'esule di Roma, ossia Il proscritto (1.1.1828 Napoli)
Emilia di Liverpool [rev] (8.3.1828 Napoli)
Alina, regina di Golconda (12.5.1828 Genova)
Gianni di Calais (2.8.1828 Napoli)
Il paria (12.1.1829 Napoli)
Il giovedi grasso [Il nuovo Pourceaugnac] (26.2.1829? Napoli)
Il castello di Kenilworth (6.7.1829 Napoli)
Alina, regina di Golconda [rev] (10.10.1829 Roma)
I pazzi per progetto (6.2.1830 Napoli)
Il diluvio universale (28.2.1830 Napoli)
Imelda de' Lambertazzi (5.9.1830 Napoli)
Anna Bolena (26.12.1830 Milano)
Le convenienze ed inconvenienze teatrali [rev Le convenienze teatrali] (20.4.1831 Milano)
Gianni di Parigi (1831; 10.9.1839 Milano)
Francesca di Foix (30.5.1831 Napoli)
La romanziera e l'uomo nero (18.6.1831 Napoli)
Fausta (12.1.1832 Napoli)
Ugo, conte di Parigi (13.3.1832 Milano)
L'elisir d'amore (12.5.1832 Milano)
Sancia di Castiglia (4.11.1832 Napoli)
Il furioso all'isola di San Domingo (2.1.1833 Roma)
Otto mesi in due ore [rev] (1833 Livorno)
Parisina (17.3.1833 Firenze)
Torquato Tasso (9.9.1833 Roma)
Lucrezia Borgia (26.12.1833 Milano)
Il diluvio universale [rev] (17.1.1834 Genova)
Rosmonda d'Inghilterra (27.2.1834 Firenze)
Maria Stuarda [rev] [Buondelmonte] (18.10.1834 Napoli)
Gemma di Vergy (26.12.1834 Milano)
Maria Stuarda (30.12.1835 Milano)
Marin Faliero (12.3.1835 Paris)
Lucia di Lammermoor (26.9.1835 Napoli)
Belisario (4.2.1836 Venezia)
Il campanello di notte (1.6.1836 Napoli)
Betly, o La capanna svizzera (21.8.1836 Napoli)
L'assedio di Calais (19.11.1836 Napoli)
Pia de' Tolomei (18.2.1837 Venezia)
Pia de' Tolomei [rev] (31.7.1837, Sinigaglia)
Betly [rev] (?29.9.1837 Napoli)
Roberto Devereux (28.10.1837 Napoli)
Maria de Rudenz (30.1.1838 Venezia)
Gabriella di Vergy [rev] (1838; 8.1978 London*)
Poliuto (1838; 30.11.1848 Napoli)
Pia de' Tolomei [rev 2] (30.9.1838 Napoli)
Lucie de Lammermoor [rev Lucia di Lammermoor] (6.8.1839 Paris)
Le Duc d'Albe [Il duca d'Alba] (1839; 22.3.1882 Roma)
Lucrezia Borgia [rev] (11.1.1840 Milano)
Poliuto [rev] [Les Martyrs] (10.4.1840 Paris)
La Fille du régiment (11.2.1840 Paris)
L'Ange de Nisida (1839; ?)
Lucrezia Borgia [rev 2] (31.10.1840 Paris)
La Favorite [rev L'Ange de Nisida] (2.12.1840 Paris)
Adelia (11.2.1841 Roma)
Rita, ou Le Mari battu [Deux hommes et une femme] (1841; 7.5.1860 Paris)
Maria Padilla (26.12.1841 Milano)
Linda di Chamounix (19.5.1842 Wien)
Linda di Chamounix [rev] (17.11.1842 Paris)
Caterina Cornaro (18.1.1844 Napoli)
Don Pasquale (3.1.1843 Paris)
Maria di Rohan (5.6.1843 Wien)
Dom Sébastien (13.11.1843 Paris)
Dom Sébastien [rev] (6.2.1845 Wien)
rev = revised / * = concert - broadcast



PROLOG
Junge Leute feiern im Garten der venezianischen Villa Grimani ein Abschiedsfest, weil sie am nächsten Tag nach Ferrara reisen wollen. Unter den Jünglingen befindet sich Gennaro, dessen Herkunft niemand kennt. Trotzdem ist es dem jungen Mann durch sein blendendes Aussehen, Mut und Verstand gelungen, mehrere Freunde aus den vornehmsten italienischen Familien zu gewinnen. Man unterhält sieh über die skrupellosen Machenschaften der Borgias und die faszinierende Lucrezia, die aber einen schlechten Ruf hat und vor Gift und Dolch nicht zurückschrecken soll, um ihre Ziele zu erreichen.
Gennaro, den das Fest ermüdet hat, verlässt es und legt sich an einem schattigen Platz in Ufernähe nieder, wo er einschläft. Eine Gondel legt an. Die maskierte Lucrezia Borgia steigt aus und empfindet, als sie den jungen Mann sieht, sofort zärtliche Gefühle für ihn. Sie erkennt, beobachtet vom Herzog und Rustighello, in Gennaro einen illegitimen Sohn. Als Gennaro aufwacht und sie sieht, wird er ebenfalls von Zuneigung für sie erfasst. Er erzählt aus seinem Leben und möchte auch ihren Namen wissen, doch Luerezia fürchtet sich davor. Da kommen Orsini und seine Freunde, erkennen Lucrezia und klären Gennaro auf, obwohl Lucrezia sie dringend bittet, zu schweigen. Gennaro ist tief bestürzt. Lucrezia geht tödlich beleidigt schnell davon.

ERSTER AKT
Der Herzog ist auf Gennaro eifersüchtig geworden und beobachtet mit Rustighello seine Wohnung, in der sich Freunde zu einem Mahl getroffen haben. Auf dem Nachhauseweg hänselt man Gennaro wegen der Beziehung zu der schönen Lucrezia, bis jener wütend mit seinem Dolch das »B« von der Inschrift am Borgiapalast wegschlägt, so dass das Wort »orgia« zurückbleibt. Bestürzt enteilen die Freunde; Gennaro geht in seine Wohnung, wo er wenig später verhaftet wird, weil seine Tat beobachtet wurde.
Der Herzog und Lucrezia, die noch nicht weiss, wer der Übeltäter war, sind zutiefst gekränkt. Gennaro wird zum Tode verurteilt und muss einen Giftbecher leeren. Als Lucrezia sieht, dass ihr Sohn der Verurteilte ist, bittet sie den Herzog, ihn zu begnadigen, doch dieser lehnt, noch immer eifersüchtig, ab und geht triumphierend davon. Lucrezia gibt Gennaro ein Gegengift und bittet ihn, die Stadt zu verlassen.

ZWEITER AKT
Gennaro hat sich entschlossen, Lucrezias Wunsch zu erfüllen, doch Orsini und die anderen können ihn überreden, zuvor noch das Fest bei der Prinzessin Negroni zu besuchen. Dort vergiftet Lucerezia, die sich wegen der erlittenen Demütigung an Orsini und den anderen rächen will, den Wein der jungen Leute. Plötzlich verlöschen die Lichter, und Lucrezia kommt mit Bewaffneten in den Saal. Sie teilt Orsini und seinen Freunden mit, dass sie Gift getrunken haben, und lässt eine Tür öffnen, hinter der die Särge sichtbar werden, die für die schon Sterbenden bestimmt sind.
Plötzlich erbleicht auch Luerezia, denn sie erblickt Gennaro, der ebenfalls den Wein gekostet hat. Dieser will sich mit einem Messer auf sie stürzen, die ihm erst jetzt mitteilt, dass sie seine Mutter ist und ein Gegengift anbietet. Gennaro lehnt, als er seine Freunde sterben sieht, die Rettung ab und sinkt ebenfalls tot zu Boden. Der Herzog und sein Gefolge betreten den Saal und erfahren von Lucrezia, was geschehen ist. Diese sinkt mit einem qualvollen Schrei über ihren toten Sohn.

PROLOGUE
Gennaro leaves his friends and falls asleep on a terrace. He is discovered by Lucrezia Borgia, who is masked. He wakes and, charmed by her concern, tells her of his life and how he was raised by a lowly fisherman. He is horrified, however, when his friends tear off her mask and reveal that she is the infamous Lucrezia Borgia.

ACT I
Lucrezia's fourth husband Alfonso suspects her of infidelity but she is only seeing Gennaro - who is in fact her son by a previous marriage. Gennaro is ignorant of his mother's identity and, keen to show his hatred of Lucrezia's crimes, he cuts off the first letter of her name from the palace gates, leaving only "orgia" (orgy).
Enraged by this insult, Lucrezia demands revenge. Alfonso brings in Gennaro and forces him to take poison but, realizing the identity of the culprit, Lucrezia administers an antidote and begs him to leave the city.

ACT II
At a banquet in Ferrara, Gennaro and his friends mock Lucrezia. She appears and informs them that they have all drunk poisoned wine, but when she sees her son she clears the hall and offers him an antidote. Revolted by her actions and shattered by her claim that she is his mother, he refuses the potion and dies. Crushed by his rejection, she drains the poisoned cup.
TROIS ACTES
Au XVIe siècle, à Venise et Ferrare. Gennaro (ténor) apprend de son ami Maffio Orsini (mezzo-soprano, rôle travesti), que, selon une prédiction, ils mourrount ensemble, assassinés par la Borgia.
Celle-ci (soprano) contemple Gennaro endormi (Com' è bello) et, par un un récit de ce dernier (Di pescator, ignobile), comprend qu'il s'agit de son propre fils.
Le duc Alfonso (baryton), époux de Lucrèce, s'indigne de l'intérêt que celle-ci porte à Gennaro (Vieni la mia vendetta), qui, ignorant sa naissance, l'offense gravement. Condamné à boire un poison, il est à nouveau sauvé par sa mère. Il s'apprête à quitter Ferrare (Anch'io provai), mais Maffio, entonnant un brindisi (Il segreto per esser felice), lui suggère d'assister d'abord à un banquet. Là, Lucrèce apparaît et annonce aux convives qu'elle les a empoisonnés. Découvrant Gennaro parmi ceux-ci, elle le conjure, en vain, de prendre un contre-poison (M'odi, ah, m'odi), et lui révèle les liens qui les unissent. Gennaro lui dit adieu (Madre, se ognor), et Lucrèce se jette sur le cadavre (Era desso il mio figlio).
PROLOGO
A Venezia durante il Rinascimento
È notte: Gennaro e i suoi amici, fra i quali Maffio Orsini, stanno partecipando a una festa mascherata a palazzo Grimani; nel corso della conversazione viene fatto il nome di Lucrezia Borgia. Orsini, che come tutti gli altri detesta la donna, narra agli amici l’infausta profezia di un indovino: «Fuggite i Borgia o giovani... Dov’è Lucrezia è morte». Gennaro, tediato dal racconto, si addormenta ed è lasciato solo dagli amici rientrati per le danze. Entra Lucrezia mascherata: il suo divorante affetto la spinge a contemplare il figlio (che non la conosce) addormentato (Come è bello... Quale incanto). Gennaro si sveglia e rimane affascinato dalla bella dama, alla quale racconta di non sapere chi sia sua madre; di lei conserva gelosamente una lettera in cui lo prega di non cercarla. Lucrezia, commossa, lo incita ad amarla teneramente (Ama tua madre, e tenero). Sopraggiungono gli altri, riconoscono la Borgia e, con sommo orrore di Gennaro, la maledicono.

ATTO PRIMO
A Ferrara, di notte
Mentre il duca Alfonso e Rustighello spiano l’abitazione di Gennaro, il duca è furioso poiché crede il giovane un amante di Lucrezia (Vieni, la mia vendetta); intanto escono Gennaro e gli amici, diretti alla festa della principessa Negroni. Gennaro, ancora sconvolto dall’incontro con la Borgia, giunto davanti al palazzo ducale cancella con il pugnale la ‘b’ del nome Borgia: appare così la parola ‘orgia’. Astolfo, una spia della duchessa, e Rustighello li osservano di nascosto. Poco dopo Rustighello informa il duca Alfonso che Gennaro è stato arrestato ed è a palazzo. Sopraggiunge Lucrezia, furiosa per l’oltraggio subito e decisa a ottenere vendetta. Ma quando la donna scopre che il colpevole è proprio Gennaro, implora il duca di salvarlo. Alfonso rifiuta, e la costringe a scegliere di quale morte egli dovrà perire: veleno o pugnale. Lucrezia sceglie il veleno, ma quando Gennaro ha bevuto il vino affatturato, gli offre un antidoto e lo fa fuggire da una porta segreta.

ATTO SECONDO
Nel palazzo della principessa Negroni
Orsini, Gennaro e gli amici brindano e inneggiano al vino (Il segreto per essere felici). All’improvviso misteriose e minacciose voci si odono di fuori e, mentre le faci si spengono, compare Lucrezia Borgia. La duchessa avverte gli astanti che, per vendicare l’onta subita a Venezia, essi sono stati da lei avvelenati. Tremenda è l’angoscia della Borgia quando scopre che fra le sue vittime si cela anche Gennaro (Tu pur qui? Non sei fuggito?). Allontanati tutti gli altri, Lucrezia implora il figlio di prendere l’antidoto (M’odi, ah m’odi), ma il giovane, scoprendo che la pozione è sufficiente per lui solo, rifiuta. La donna gli svela allora di essere sua madre e quindi si accascia disperata sul corpo del figlio morente (Era desso il figlio mio/ Madre se ognor lontano).

Personaggi:
ALFONSO, Duca di Ferrara (Basso)
LUCREZIA BORGIA, sua consorte (Soprano)
GENNARO, capitano di ventura (Tenore)
MAFFIO ORSINI, nobile Romano (Contralto)
JEPPO LIVEROTTO, giovine signore (Tenore)
APOSTOLO GAZELLA, signore Napoletano (Basso)
ASCANIO PETRUCCI, nobile Senese (Basso)
OLOFERNO VITELLOZZO, altro nobile (Tenore)
GUBETTA, Spagnuolo, confidente di Lucrezia (Basso)
RUSTIGHELLO, confidente del Duca Alfonso (Tenore)
ASTOLFO, scherano ai servizio dei Borgia (Basso)
Un USCIERE
Un COPPIERE

CORO e COMPARSE:
Cavalierei, Dame, Maschere, Scherani, Cortigiani, Voci di dientro



Preludio

PROLOGO
Venezia.
Terrazzo del palazzo Grimani. Festa di notte. Alcune maschere attraversano di tratto in tratto il terrazzo, dai due lati del quale si vede il palagio splendidamente illuminato. In fondo il canale della Giudecca, sul quale si veggono a passare ad intervalli nelle tenebre alcune gondole. In lontano Venezia al chiaror di luna.


GAZELLA
Bella Venezia!

PETRUCCI
Amabile!

GAZELLA, PETRUCCI
Degni piacer soggiorno

ORSINI
Men di sue notti è limpido
d'ogn'altro cielo il giorno.

Corrono d'ogni parte a veder le dame e le maschere che passeggiano.

ORSINI, poi LIVEROTTO, VITELLOZZO, PETRUCCI e GAZELLA
E l'orator Grimani
noi seguirem domani:
tali avrem mai
tali delizie in riva al Po?

GUBETTA
inoltrandosi
Le avrem. D'Alfonso è splendida,
lieta la Corte assai;
Lucrezia Borgia …

CORO e TUTTI
Acquetati, non la nomar giammai.

VITELLOZZO
Nome esecrato è questo.

LIVEROTTO
La Borgia, io la detesto.

CORO e TUTTI
Chi le sue colpe intendere,
e non odiarla può?

ORSINI
Io più di tutti. Uditemi.
tutti si accostano
Un veglio, un indovino …

GENNARO
Novellator perpetuo
esser vuoi dunque, Orsino?

LIVEROTTO, VITELLOZZO, GUBETTA, PETRUCCI, GAZELLA
Taci!

GENNARO
Lascia la Borgia in pace:
udir di lei mi spiace.

LIVEROTTO, VITELLOZZO
Taci, non l'interrompere,
breve il suo dir sarà.

GENNARO
lo dormirò. Destatemi
quando finito avrà.

si adagia, e a poco a poco si addormenta

ORSINI
Uditemi.
Nella fatal di Rimini
e memorabil guerra,
ferito e quasi esanime
io mi giaceva a terra.
Gennaro a me soccorse,
il suo destrier mi porse,
e in solitario bosco
mi trasse e mi salvò.

LIVEROTTO, VITELLOZZO, poi CORO e TUTTI
La sua virtù conosco,
la sua pietade io so.

ORSINI
Là nella notte tacita,
lena pigliando e speme,
giurammo insieme di vivere
e di morire insieme.
"E insiem morrete," allora
voce gridò sonora:
e un veglio in veste nera
gigante a noi s'offri.

LIVEROTTO, ecc.
Cielo!

ORSINI
"Fuggite i Borgia, o giovani,"
ei proseguì più forte.
"Odio alla rea Lucrezia,
dov'è Lucrezia è morte."

LIVEROTTO, ecc.
Qual mago egl'era
per profetar così?

ORSINI
Sparve ciò detto, e il vento,
in suono di lamento,
quel nome ch'io detesto
tre volte replico!

LIVEROTTO, ecc. più CORO
Rio vaticinio è questo,
Ma fe' puoi dargli? No.

Odesi la musica d'una banda dall'interno del palagio.

CORO
Senti. La danza invitaci.
Bando, bando a si triste immagini,
passiam la notte in gioia.
Assai quell'empia femmina
ne diè tormento e noia.

ORSINI
Fede a fallaci oroscopi
l'anima mia non presta fe',
ma pur, mio malgrado, un palpito
tal sovvenir mi desta.
Spesso dovunque movo,
quel veglio orrendo trovo,
dovunque io movo,
quella minaccia orribile
parmi la notte udir, ah!

LIVEROTTO, ecc. più CORO
Finchè il Leon temuto
ne porge asilo e aiuto,
l'arti e il furor de' Borgia
non ci potran colpir.
Vieni, la danza invitaci …
lasciam costui dormir.

Partono tutti, traendo seco Orsini.

Approda una gondola: n'esce una Dama mascherata. È Lucrezia. S'inoltra guardinga.
Vede Gennaro addormentato e s'appressa a lui contemplandolo con piacere e rispetto.
Gubetta le va incontro.


LUCREZIA
Tranquillo ei posa.
Oh! sian così tranquille sue notti sempre!
e mai provar non debba qual delle notti mie,
quant'è il tormento, ah! -
a Gubetta
Sei tu?

GUBETTA
Son io. Pavento che alcun vi scopra: ai giorni
vostri, è vero, scudo è Venezia; ma vietar non
puote che conosciuta non v'insulti alcuno.

LUCREZIA
E insultata sarei! m'abborre ognuno!
Pur, per sì trista sorte nata io non era.
Oh! potess'io far tanto che il passato non fosse,
e in un cor solo destare un senso di pietade e amore,
che invano al mondom in mia grandezza
io chiedo! Quel giovin vedi?
GUBETTA
Il vedo, e da più di lo seguo,
e indarno tento scoprir l'arcano
che per fui vi tragge
da Ferrara a Venezia in tanta ambascia.

LUCREZIA
Tu scoprirlo! Nol puoi!
Seco mi lascia.

Gubetta parte. Mentre Lucrezia si avvicina a Gennaro non si accorge di due uomini mascherati che passano dal fondo, e si fermano in disparte.

LUCREZIA
guardandolo con affetto
Com'è bello! quale incanto
in quel volto onesto e altero!
No, giammai leggiadro tanto
non sel pinse il mio pensiero.
L'alma mia di gioia è piena
or che alfin lo può mirar.
Mi risparmia, o ciel, la pena
ch'ei mi debba un dì sprezzar.
Se il destassi? ... No, non oso,
nè scoprire il mio sembiante,
pure il ciglio lagrimoso
terger debbo un solo istante.

Lucrezia si toglie la maschera e si asciuga le lagrime.

DUCA
indietro
Vedi? è dessa.

RUSTIGHELLO
indietro
È dessa, è vero.

DUCA
Chi è il garzone?

RUSTIGHELLO
Un venturiero

DUCA
Non ha patria?

RUSTIGHELLO
Ne parenti, ma è guerrier fra i più valenti.

DUCA
Di condurlo adopra ogn'arte
a Ferrara in mio poter.

RUSTIGHELLO
Con Grimani all'alba ei parte,
ei previene il tuo pensier

LUCREZIA
Mentre geme i cor sommesso,
mentre piango a te d'appresso,
dormi e sogna, o dolce oggetto,
sol di gioia e di diletto,
ed un angiol tutelare
non ti desti che al piacer!
Ah! triste notti e veglie amare
debbo sola sostener.
Gioie sogna, ed un angiol
non ti desti che al piacer!

Lucrezia si avvicina a baciare la mano a Gennaro.
I due mascherati partono. Gennaro si desta e afferra Lucrezia per le braccia.


LUCREZIA
Ciel!

GENNARO
Che vegg'io?

LUCREZIA
Lasciatemi!

GENNARO
No, no, gentil signora.

LUCREZIA
Lasciatemi!

GENNARO
No, per mia fede!

LUCREZIA
Ah! lasciatemi!

GENNARO
No, per mia fede!
Ch'io vi contempli ancora!
Leggiadra, leggiadra, amabil siete,
nè paventar dovete,
che ingrato ed insensibile
per voi si trovi un cor.

LUCREZIA
Gennaro! e fia possibile
che a me tu porti amor?

GENNARO
Qual dubbio è il vostro?

LUCREZIA
Ah dimmelo.

GENNARO
Sì, quanto lice, io v'amo

LUCREZIA
fra sè
Oh gioia!

GENNARO
incerto
Va … v'a …
deciso
Eppur, uditemi …
esser verace io bramo.
Avvi un più caro oggetto,
cui nutro immenso affetto.

LUCREZIA
E ti è dime più caro?

GENNARO
Si.

LUCREZIA
Chi è mai?

GENNARO
Mia madre ell'è.

LUCREZIA
Tua madre!

GENNARO
Si.

LUCREZIA
Tua madre! Oh mio Gennaro!
Tu l'ami?

GENNARO
Al par di me.
LUCREZIA
Ed ella?

GENNARO
Ah! compiangetemi:
io non la vidi mai.

LUCREZIA
Ma, come?

GENNARO
È funesta istoria,
che sempre altrui celai,
ma son da ignoto istinto
a dirla a voi sospinto;
alma cortese e bella
nel vostro volto appar.

LUCREZIA
Ah! favella, tutto mi puoi narrar!

GENNARO
Di pescatore ignobile
esser figlruol credei
e seco oscuro in Napoli
vissi i prim'anni miei.
Quando un guerriero incognito
venne d'inganno a trarmi;
mi diè cavallo ed armi,
e un foglio a me lasciò.

LUCREZIA
Ebben?

GENNARO
Era mia madre, ahi misera!
Mia madre che scrivea …
di rio possente vittima
per sè, per me temea;
di non parlar, nè chiedere
il nome suo qual era
calda mi fe' preghiera,
ed obbedita io l'ho,
calda mi fe' preghiera.

LUCREZIA
asciugandosi le lagrime
E il foglio suo?

GENNARO
Miratelo:
mai dal mio cor si parte.

LUCREZIA
Oh! quante amare lagrime
forse in vergarlo ha sparte!

GENNARO
Ed io, signora, oh quanto
su quelle cifre ho pianto!
Ma che? voi pur piangete?

LUCREZIA
Ah sì.

GENNARO
Piangete?

LUCREZIA
Per lei … per te …

GENNARO
Per me?

LUCREZIA
Per te.

GENNARO
Piangete per me?
Alma gentil voi siete,
ancor più caro a me.

LUCREZIA
Ama tua madre, e tenero
sempre per lei ti serba.
Prega che l'ira plachisi
della sua sorte acerba.
Prega che un giorno stringere
ella ti possa al cor.

GENNARO
L'amo, si, l'amo e sembrami
vederla in ogni oggetto,
una soave immagine
me n'ho formato in petto;
seco, dormente o vigile,
seco favello ognor.

LUCREZIA
fra se
Tenero cor!

GENNARO
Alma gentil voi siete,
più caro a me.

LUCREZIA
Ah! Ama tua madre, ecc.

GENNARO
L'amo, ecc.

Sì avvicinano da varie parti le maschere: escono paggi con torcie che accompagnano Dame e Cavalieri. Orsini entra accompagnato dai suoi amici.

LUCREZIA
Gente appressa … io ti lascio.

GENNARO
trattenendola
Ah! fermate

ORSINI
riconosce Lucrezia, l'addita ai compagni
Chi mai veggo!

LUCREZIA
Mi è forza lasciarti.

GENNARO
Deh! chi siete almen dirmi degnate …

LUCREZIA
Tal che t'ama, e sua vita è l'amarti.

ORSINI
inoltrandosi
lo dirollo.

LUCREZIA
coprendosi colla maschera il volto, volendo allontanarsi
Gran Dio!

ORSINI
opponendosi
Non partite. Forza è udirne …
riconducendola

LUCREZIA
Gennaro!

GENNARO
Che ardite?
S'avvi alcun d'insultarla capace,
di Gennaro più amico non è.

ORSINI
Chi siam noi sol chiararla ne piace.

LUCREZIA
fra se
Oh cimento!

ORSINI
E poi fugga da te.

GENNARO
Favellate.

ORSINI
Maffio Orsini, signora, son io,
cui svenaste il dormente fratello.

VITELLOZZO
Io Vitelli, cui feste lo zio
trucidar nel rapito castello.

LIVEROTTO
Io nipote d'Appiano tradito,
da voi spento in infame convito.

PETRUCCI
Io Petrucci, del conte cugino,
cui toglieste di Siena il domino.

GAZELLA
Io congiunto d'oppresso consorte,
che vedeste nel Tebro perir.

GENNARO
Ciel! che ascolto!

LUCREZIA
fra sè
Oh! malvagia mia sortei

CORO
Qual rea donna!

LUCREZIA
fra se
Ove fuggo? che dir?

ORSINI
Or che a lei 'esser nostro è palese,
odi il suo …

GENNARO e CORO
Dite, dite.

ORSINI ecc.
Ella è donna che infame si rese,
che l'orrore sarà d'ogni etade …

LUCREZIA
Grazia! grazia!

ORSINI ecc.
Ella e donna venefica, impura,
vilipese, oltraggiò la natura.
Come odiata, è temuta del paro,
chè potente il destino la fa.

GENNARO
Oh! chi è mai?

LUCREZIA
supplichevole a' suoi piedi
Non udirli, o Gennaro …

ORSINI ecc., più CORO
strappandole la maschera
È la Borgia … ravvisala …

GENNARO
Dio! … va, va, va!

TUTTI
con un grido d'orrore
Ah!

LUCREZIA
Ah!

Tutti fuggono, Lucrezia segue Gennaro, tenendolo per le ginocchia.

ATTO PRIMO

SCENA PRIMA
Una piazza di Ferrara.
Da un lato palazzo con verone, sotto al quale uno stemma di marmo, ove è scritto con caratteri visibili di rame dorato «BORGIA».
Dall'altro una piccola casa coll'uscio sulla strada, lecui finestre sono illuminate di dentro.
Notte


DUCA
Nel veneto corteggio lo ravvisasti?

RUSTIGHELLO
E me gli posi al fianco, e lo seguii come se
l'ombra io fossi del corpo suo.
addita la casa di Gennaro
Quello è il suo tetto.

DUCA
Quello? Appo il ducale ostello …
Lucrezia il volle!

RUSTIGHELLO
E in esso ancora il vuole,
se non m'inganna di quel vil Gubetta
l'ire e il redir, e lo spiar furtivo.

DUCA
Entrarvi ei puote, non ne uscir mai vivo.
Odonsi voci e suoni dalla casa di Gennaro
Odi?

RUSTIGHELLO
Gli amici in festa.
Tutta la notte accoglieva in quelle porte
il giovin folle.

VOCI dalla casa
Viva! … Evviva! …

RUSTIGHELLO
Separarsi all'alba han per costume.

DUCA
E l'ultim' alba è questa che al temerario splende;
l'ultimo addio che dagli amici ei prende.

Vieni: la mia vendetta
è meditata e pronta:
ei l'assicura e affretta
col cieco suo fidar.

RUSTIGHELLO
Ma se l'altier Grimani
là si recasse ad onta?

DUCA
Mai per codesti insani
me non vorrà sfidar.
Qualunque sia l'evento
che può recar fortuna,
nemico non pavento
l'altero ambasciator.
Noti sempre chiusa ai popoli
fu la fatal Laguna,
ad oltraggiato principe
aprir si puote ancora.

I suoni dalla casa di Gennaro si fan più vicini, si spengono i lumi.

RUSTIGHELLO
Tutta la notte in festa.

DUCA
E l'ultima sarà.

RUSTIGHELLO
L'ultimo addio sarà.

DUCA
Sì … Qualunque sia l'evento, ecc.

Escono tutti lieti dalla casa di Gennaro. Egli solo è pensoso.
Gubetta si fa vedere in disparte.


ORSINI, LIVEROTTO, VITELLOZZO, PETRUCCI, GAZELLA
Addio, Gennaro.

GENNARO
Addio, nobili amici.

ORSINI
Ma che? deggio si mesto mirarti ognor?

GENNARO
Mesto non già
fra se
Potessi, se non vederti,
almen giovarti, o madre!

ORSINI
Mille beltà leggiadre
saran stasera al genial festino,
cui la gentil n'invita principessa Negroni.

TUTTI meno Gennaro
Tutti fummo invitati

GUBETTA
avanzandosi
E il sono anch'io.

LIVEROTTO, VITELLOZZO, PETRUCCI, GAZELLA
Oh! Il signor Beverana!

Tutti gli vanno incontro, tranne Gennaro e Orsini.

GENNARO
a Orsini
Da per tutto è costui!
Già da gran tempo m'è sospetto.

ORSINI
Oh, non temer: uom lieto,
e, qual siam tutti, uno sventato è desso.

VITELLOZZO
Or via! cosi dimesso
io non ti vo', Gennaro.

LIVEROTTO
Ammaliato t'avria forse la Borgia?

GENNARO
E ognor di lei v'udrò parlarmi?
Giuro al cielo, signori, scherzi non voglio,
Uomo non v'ha che abborra al par di me costei.

PETRUCCI
Tacete. È quello il suo palagio.

GENNARO
E il sia. Stampare in fronte vorrei l'infamia,
anche a stampar son pronto su quelle mura
dov'è scritto "Borgia".

Sale un gradino e colla punta del pugnale fa saltar via il "B" del BORGIA.

LIVEROTTO, ecc.
Che fai?

GENNARO
Leggete adesso

ORSINI, LIVEROTTO, ecc.
Oh diamin! "ORGIA"!

GUBETTA
Una facezia è questa,
che può costar domani ben cara a molti.

GENNARO
Ove del reo si chieda,
me stesso a palesar pronto son io.

Si vedono indietro due uomini vestiti di nero.

ORSINI
Qualcun ci osserva. Separiamci.

TUTTI
Addio.

Gennaro rientra in casa. Gli altri si disperdono.

RUSTIGHELLO
Oui che fai?

ASTOLFO
Che tu ten vada fermo aspetto.
E tu che fai?

RUSTIGHELLO
Che tu sgombri la contrada fermo attendo.

ASTOLFO
Con chi l'hai?

RUSTIGHELLO
Con quel giovine straniero ch'ha qui stanza.
E tu con chi?

ASTOLFO
Con quel giovine straniero.

RUSTIGHELLO
Con quel?

ASTOLFO
… che pur esso alberga qui.

RUSTIGHELLO
Dove il guidi?

ASTOLFO
Alla Duchessa.
E tu dove?

RUSTIGHELLO
Al Duca appresso.

ASTOLFO
Oh! la via non è listessa.

RUSTIGHELLO
Nè conduce a un fine stesso.

ASTOLFO
L'una a festa …
RUSTIGHELLO
L'altra a morte …

ASTOLFO, RUSTIGHELLO
Delle due qual s'aprirà?
Del più destro o del più forte
dal voler dipenderà.

Rustighello fa un segno dal cantone della strada;
entra un drappello di scherani, i quali circondano Astolfo.


RUSTIGHELLO, gli SCHERANI
La Non far motto, parti, sgombra:
il più forte appien lo vedi.
Guai per te se appena un' ombra
di sospetto a lui tu porgi.
Sai che un solo qui tutte regge:
somma legge è il suo voler.

ASTOLFO
Lo so … lo so
Ma il furor della Duchessa?

RUSTIGHELLO, gli SCHERANI
Taci, e d'essa no, non temer.
Al suo nome, alla sua fama,
tè l'audace estrema offesa.

ASTOLFO
Fè l'audace estrema offesa.

RUSTIGHELLO, gli SCHERANI
Vendicarsi il Duca brama;
impedirlo è stolta impresa.

ASTOLFO
Certo, certo, è stolta impresa,

RUSTIGHELLO, gli SCHERANI
Se da saggio oprar tu vuoi,
dêi piegare, partir, tacer.

Astolfo si ritira. Rustighello e gli Scherani atterrano le porte della casa di Gennaro.


SCENA SECONDA
Sala net palazzo Ducale.
Gran porta in fondo. A dritta un uscio chiuso da invetriata. A sinistra un altro uscio segreto. Tavolino in mezzo coperto di velluto.


DUCA
Tutto eseguisti?

RUSTIGHELLO
Tutto. Il prigioniero qui presso attende.

DUCA
Or bada. A quella in fondo segreta sala,
della statua a piedi dell avol mio,
riposi armadi schiude quest'aurea chiave.
Ivi d'argento un vaso, e un d'or vedrai:
nella propinqua stanza ambo gli reca,
nè desio ti tent dell'aureo vaso.
Vin de' Borgia è desso.
Rustighello fa per partire
Attendi. All'uscio appresso
ti tienti di spada armato.
Ov'io ti chiami, i vasi apporta;
ov'altro cenno intendi,
col ferro accorri.

USCIERE
dalla porta
La Duchessa.

DUCA
Affretta.
RustighelIo parte. Lucrezia entra.
Così turbata?

LUCREZIA
A voi mi trae vendetta.
Colpa inaudita, infame, a denunziarvi io vengo.
Avvi in Ferrara chi cella vostra sposa
a pien meriggio oltraggia il nome e mutilarlo ardisce.

DUCA
M'è noto.

LUCREZIA
E noi punisce? e il soffre Alfonso in vita?

DUCA
A noi dinanzi tosto fia tratto.

LUCREZIA
Sia! pretendo che morte egl'abbia, e al mio cospetto:
e sacra ducal parola al vostro amor ne chiedo.

DUCA
E sacra io dolla.
all'Usciere
Il prigionier.

Usciere parte.
Si presenta Gennaro disarmato fra le guardie.


LUCREZIA
turbata al vederlo, fra sè
Chi vedo!

DUCA
con un sorriso
Noto vi è desso?

LUCREZIA
fra sè
Oh Ciel! Gennaro! Ahi! qual fatalità!

GENNARO
La vostra Altezza, o Duca, toglier mi fece dal mio
tetto a forza da gente armata.
Chieder posso, io spero,
d'onde mertai questo rigor estremo?

DUCA
Capitano, appressate!

LUCREZIA
fra se
Io gelo, io tremo!

DUCA
Un temerario osava testè, di giorno,
dal ducal palago, con man profana
cancellar l'augusto nome di "Borgia".
Il reo a cerca.

LUCREZIA
I reo non è costui!

DUCA
D'onde il sapete?

LUCREZIA
Egli era stamane altrove …
Alcun de' suoi compagni commise il fallo.

GENNARO
Non è ver.

DUCA
L'udite?
Siate sincero, e dite se il reo voi siete.

GENNARO
Uso a mentir non sono; chè della vita istessa
più caro ho l'onor mio.
Duca Alfonso, io confesso, il reo son io.

LUCREZIA
fra se
Misera me!

DUCA
piano a Lucrezia
Vi diedi la mia ducal parola …

LUCREZIA
Alcuni istanti favellarvi in segreto,
Alfonso, io bramo.
fra se
Deh! secondami, o Ciel!

A un cenno di Alfonso Gennaro è condotto via.

DUCA
Soli noi siamo. Che chiedete?

LUCREZIA
Vi chiedo, o signore,
di quel giovane illesa la vita.

DUCA
Come? dianzi cotanto rigore?
L'ira vostra è si tosto sparita?

LUCREZIA
con vezzo
Fu capriccio. A che giova ch'ei mora?
giovin tanto! … Perdono gli do.

DUCA
La mia fede vi diedi, o signora,
nè a mia fede giammai fallirò.

LUCREZIA
Ma, Duca …

DUCA
Mai.

LUCREZIA
Ascoltate …

DUCA
Mai.

LUCREZIA
frenandosi
Don Alfonso, favore ben lieve
voi negate a sovrana, a consorte!

DUCA
Chi v'offese irne impune non deve.
Voi chiedeste, io giurai a sua morte.

LUCREZIA
Perdoniam: siam clementi del paro …
la clemenza è regale virtú.

DUCA
No, mai … Non posso.

LUCREZIA
E si avverso a Gennaro chi vi fè, caro Alfonso?

DUCA
Chi? … Tu!

LUCREZIA
Io? che dite?

DUCA
Tu l'ami, si, tu l'ami!

LUCREZIA
fra sè
Che ascolto!

DUCA
In Venezia il seguisti.

LUCREZIA
fra se
Ah! giusto Ciel!

DUCA
Si, tu l'ami, e il seguisti.

LUCREZIA
lo?

DUCA
Anche adesso ne volto
si leggea l'empio ardor che nutristi.

LUCREZIA
Don Alfonso!

DUCA
T'acqueta.

LUCREZIA
Vi giuro, vi giuro …

DUCA
Non macchiarti di nuovo spergiuro.

LUCREZIA
No.

DUCA
To l'ami e in Venezia il seguisti.

LUCREZIA
Don Alfonso!

DUCA
È omai tempo ch'io prenda
de' miei torti vendetta tremenda;
e tremenda da questo momento
sul tuo complice infame cadrà.

LUCREZIA
in ginocchio
Ah, grazia, Alfonso, pietà!

DUCA
L'indegno vo' spento.

LUCREZIA
Per pietà!

DUCA
Più non odo pietà.

LUCREZIA
Non odi pietà? No?

DUCA
No.

LUCREZIA
No?
sorgendo
Oh! a te bada, a te stesso pon mente
Don Alfonso, mio quarto marito!
Omai troppo m'hai visto piangente,
omai troppo il mio core è ferito.
Al dolore sottentra la rabbia,
ti potria far la Borgia pentir.

DUCA
Mi sei nota, nè porre in oblio
chi sei tu, se il volessi, potrei;
ma tu pensa che il Duca son io,
che in Ferrara e in mia mano tu sei!
lo ti lascio la scelta s'ei debba
di veleno o di spada morir.
Scegli.

LUCREZIA
fuor di se
Oh Dio!

DUCA
Scegli.

LUCREZIA
Dio possente!
Oh! A te bada, ecc.

DUCA
Mi se nota, ecc.
Trafitto tosto ei sia.

LUCREZIA
Deh! t'arresta …

DUCA
Ch'ei cada …

LUCREZIA
Non commetter si nero delitto!

DUCA
Scegli, scegli …

LUCREZIA
Ah! non musia di spada!

DUCA
Sii prudente: d'appresso ti sono,
nulla speme ti è dato nutrir.

fa cenno che venga Gennaro

LUCREZIA
L'infelice al suo fato abbandono
Uom crudele! mi sento morir!

cade sopra una sedia.

È introdotto Gennaro.


DUCA
a Gennaro
Della Duchessa ai prieghi,
che il vostro fallo obblia,
è forza pur ch'io pieghi,
e liberta vi dia.

LUCREZIA
fra se
Oh! come ei finge!

DUCA
E poi, tanto è valore in voi,
che d'Adria il mar privarne,
e Italia insiem, non vo'.

GENNARO
Quai so dame grazie,
signor, ve'n do.

LUCREZIA
fra se
Perfido!

GENNARO
Pur, poichè dirlo è dato
senza temer vitade,
in uom che l'ha mertato
il beneficio cade.

DUCA
Come?

GENNARO
Di vostra Altezza il padre,
cinto d'avverse squadre,
pena, se scodo e aita
non gli era un venturier.

DUCA
E quel voi siete?

LUCREZIA
sorgendo
E vita voi gli serbaste?

GENNARO
È ver.

LUCREZIA
Duca! …

DUCA
fra se
L'indegna spera.

LUCREZIA
fra se
S'ei si mutasse!

DUCA
fra se
È vano
a Gennaro
Seguir la mia bandiera
vorreste, o Capitano?

GENNARO
Al Veneto Governo
nodo mi stringe eterno,
e sacro è il giuro.

DUCA
guarda Lucrezia
Io so …

LUCREZIA
fra se
Dio!

DUCA
Io so.
presentandogli una borsa
Quest' oro almen, deh! …

GENNARO
Assai dai miei signori io n'ho.

DUCA
Almen, siccome antico
stil' è fra noi degl'avi,
libare a nappo amico
spero che a voi non gravi.

GENNARO
Sommo per me favore
questo sarà, signore...

DUCA
Gentil la mia consorte
coppiera a noi sarà.

LUCREZIA
fra se
State peggior di morte!

si alza per fuggire

DUCA
prendendola per mano
Meco, o Duchessa!
(fa cenno a Rustighella
Olà!
a Lucrezia in disparte
Guai se ti sfugge un moto,
se ti tradisce un detto!
Uscir dal mio cospetto
vivo quest'uom non dè.
Taci, taci!
Versa il liquor, ti è noto,
strano è il ribrezzo in te.
LUCREZIA
Oh! se sapessi a quale
opra m'astringi atroce,
per quanto sii feroce,
ne avresti error con me.
Ah! pietà!
Va: non v'ha mostro eguale,
colpa maggior non v'è.

GENNARO
fra se
Meco benigni tanto
mai non credea costoro …
Trovar perdono in loro
sogno pur sembra a me.
Madre! esser dee soltanto
del tuo pregar mercè.

DUCA
Or via: mesciamo!

GENNARO
Attonito per tanto onor son io.

DUCA
A voi, Duchessa.

LUCREZIA
fra se
Il barbaro!

DUCA
a Lucrezia
Il vaso d'or.

LUCREZIA
a parte
Gran Dio!

versa dal vaso d'oro

DUCA
V'assista il Ciel, Gennaro.

GENNARO
Fausto vi sia del paro.

bevono

LUCREZIA
a parte
Vanne: non ha natura mostro peggior di te.

GENNARO
fra se
Madre, è la mia ventura del tuo pregar mercè

DUCA
a parte
Trema per te, spergiura! vittima prima egli è.

DUCA
a Lucrezia
Or, Duchessa, a vostr'agio potete
trattenerlo oppur dargli commiato.

parte

LUCREZIA
fra sè
Oh! qual raggio!

GENNARO
inchinandosi
Signora, accogliete i saluti
d'un cor non ingrato.

Lucrezia si assicura della partenza del Duca,
poi corre a prendere Gennaro.


LUCREZIA
Infelice! il veleno bevesti …

GENNARO
Ah!

LUCREZIA
Non far motto, trafitto cadresti.

GENNARO
Come?

LUCREZIA
dandogli un 'ampoletta
Prendi e parti: una goccia, una sola,
di quel farmaco vita ti dà.
Lo nascondi, t'affretta, t'invola,
t'accompagni del ciel la pietà.

GENNARO
Che mai sento! E null'altro che morte
aspettarmi io dovea in tua Corte!
Un rio genio mi pose la benda,
m'inspirò sì fatal securtà.

LUCREZIA
No, Gennaro …

GENNARO
Forse, forse …

LUCREZIA
… bevi e parti!

GENNARO
… una morte più orrenda
la tua destra, o malvagia, mi dà.

Gennaro beve il contravveleno

LUCREZIA
Tu sei salvo! Oh supremo contento!
Quindi invola! Ah, mio Gennaro, va!

GENNARO
Si, chi più speri che t'abbia pietà!

Lucrezia fa fuggire Gennaro per la porta segreta.
Si presenta dal fondo Rustighello col Duca. Ella cade sovra una sedia.


ATTO II

SCENA I
Piccola cortile che mette alla casa di Gennaro. Una finestra della casa è illuminata.
È notte.


RUSTIGHELLO E CORO DI SCHERANI

Rischiarata è la finestra.

In Ferrara egli è tuttora.

La fortuna al Duca è destra:

Del rival vendetta avrà.

Inoltriam: propizia è l'ora ...

Bujo è il cielo ... alcun non v'ha ...

Nessun non v'ha.
Si avvicinano alla casa di Gennaro, odono rumore, e si arrestano.
Ma ... silenzio ... un mormorio ...

Un bisbiglio s'è levato ...

È di gente un calpestio

Più distinto udir si fa.

Là in disparte, là in agguato

Chi è s'esplori, e dove va.


Si allontanono.


SCENA II
Orsini bussa alla porta di Gennaro. Egli apre ed esce.


GENNARO

Sei tu?

ORSINI

Son io.

Venir non vuoi, Gennaro, dalla Negroni?

Ogni piacer m'è scemo nol dividi tu.

GENNARO

Grave cagione a te mi toglie.

Per Venezia io parto fra pochi istanti.

ORSINI

E me qui lasci? ...

E uniti fino alla morte

Non giurammo entrambi

Essere in ogni evento?

GENNARO

È ver.

ORSINI

Mi tieni così tua fede, com'io la tengo?

GENNARO

E tu vien meco.

ORSINI

All'alba attendi, e vengo.

Al geniale invito mancar non posso.

GENNARO

Oh! questa tua Negroni m'è distintro auspicio ...

ORSINI

E a me piuttosto il tuo partir

Così notturno e solo ... così pensoso e mesto.

Resta, resta, Gennaro.

GENNARO

Odi ... e se il chiedi, io resto.

Minnaciata è la mia vita ...

Alla morte io son qui presso.

ORSINI

Che s'insidia?

A me lo addita.

Chi è costui?

GENNARO

Parla sommesso.

Gennaro parla all'orecchio d'Orsini, e questo ride.

RUSTIGHELLO E GLI SCHERANI

Ci par tempo ...

No: s'aspetti.

L'importuno partirà.

ORSINI
ride

Ah! ah!

GENNARO

Taci, taci, incauto.

ORSINI

Nè d'inganni tu sospetti?

Quale in te credulità!

GENNARO

Taci incuato.

ORSINI

Ah! Gennaro, quale in te credulità!

GENNARO

Taci, taci.

ORSINI

Non sospetti?

GENNARO

Incauto!

ORSINI

Sconsigliato!

Quale incredulità!

Non sai tu di donna l'arti?
Onde a lei ti mostri grato

Ella ha finto di salvarti.

Di veleni che ragioni?

Dove fondi il tuo timor?

Gentil donna è la Negroni;

Uom è il Duca d'alto cor.

GENNARO

Tu conosci, appien tu sai

Se codardo io fui giammai,

Se un istante in faccia a morte

Mai fu scemo il mio valor.

ORSINI

Gentil dama è la Negroni;

Uomo è il Duca d'alto cor.

GENNARO

Pure adesso in questa Corte

M'è di guai presago il cor.

ORSINI

Va, se vuoi: tentar m'è caro,

Afferrar la mia ventura.

GENNARO

Addio dunque ...

ORSINI

Addio, Gennaro.

GENNARO

Veglia a te.

ORSINI

Ti rassicura.

Si abbracciano e si dividono, poi tornano ad abbracciarsi.

GENNARO

Ah! non posso abbandonarti!

ORSINI

Ah! non io lasciar ti vo!

GENNARO

No, no.

ORSINI

No, no.

GENNARO

Al festin vo' seguirarti.

ORSINI
Teco all'alba partirò.

Si tengono per mano.

ORSINI E GENNARO

Sia qual vuolsi il tuo destino,

Esso è mio: lo giuro ancora.

ORSINI

Mio Gennaro!

GENNARO

Caro Orsino!

ORSINI E GENNARO

Teco sempre ... o viva, o mora.

Qual due fiori a un solo stello,

Qual due fronde a un ramo sol,

ORSINI

Noi vedremo sereno il cielo.

GENNARO

O saremo curvati al suol.

Si abbracciano.

ORSINI

Ah! mio Gennaro! sempre insieme,

O sarem curvati al suol.

Mio Gennaro! sempre insieme, o viva, o mora.

GENNARO

Caro Orsino! sempre insieme,

O sarm curvati al suol.

Caro Orsino! sempre insieme, o viva, o mora.

Al festino.

ORSINI

Sè e parti no.

Oh mio Gennaro! ah! ah!

Sia qual vuolsi il tuo destino, ecc.

GENNARO

Oh caro Orsino! ah! ah!

Sia qual vuolsi il tuo destino, ecc.

Partono.


SCENA III
Ritornano gli Scherani, Rustighello li trattiene.


RUSTIGHELLO

Nol seguite.

SCHERANI

A noi s'invola.

RUSTIGHELLO

Nol seguite.

Stolti! Ei corre alla Negroni.

SCHERANI

Basta allora, basta allora.

RUSTIGHELLO

Stolti! al laccio ei corre.

SCHERANI

Non v'ha dubbio: al ver t'apponi.

RUSTIGHELLO E GLI SCHERANI

È tenace, è certo l'amo,

Che gettato al cieco è là

In si lasci: ritorniamo:

Di ferir mestier non fa.


Partono.


SCENA IV
Sala nel palazzo Negroni illuminata e addobbata per festivo banchetto.


LIVORETTO

Viva il Madera! viva! viva!

VITELLOZZO

Evviva il Reno che scalda e avviva!

GAZELLA

Dei vini il Cipro è re.

PETRUCCI

I vini, per mia fè, son tutti buoni.

LIVORETTO

Viva il Madera!

PETRUCCI E GAZELLA

Viva, viva!

VITELLOZZO

Viva il Reno!

GAZELLA

Il Cipro.

TUTTI

Tutti son buoni ... viva! viva!

ORSINI

Io stimo quel che brilla,

Siccome la scintilla,

Che desta il Dio d'amor

Nell'occhio seduttor

Della Negroni.

LIVORETTO E VITELLOZZO

Viva la Negroni!

ORSINI, PETRUCCI E GAZELLA

Viva!

LIVORETTO E VITELLOZZO

Viva il Madera!

TUTTI

Viva! viva!
Benedetto, a lei si tocchi!

Si beva a' suoi begl' occhi!

Amore la formò,

Ciprigna il lei versò

Tutti i suoi doni.

Viva la Negroni!

Viva! viva!


Bevono.

GUBETTA
s'alza

(Ebbri son già: convien tentar che resti in soli.)

GENNARO
si allontana

(Noiato io sono.)

ORSINI

Ebbene? Gennaro, a toi t'involi?

Odi il novello brindisi da me composto un giorno.

GUBETTA
ridendo
Ah! ah!

ORSINI

Chi ride?

GUBETTA

Ridono quanti ci sono intorno.

ORSINI

Come?

GUBETTA
beffeggiandolo
Ah! ah! ah! l'esimio lirico!

ORSINI

M'insulteresti tu?

GUBETTA

S'egli è insultarti il ridere,

Far nol poss'io di più,

ride
Ah, ah, ah!

ORSINI

M'insulti?

GUBETTA

Ah, ah, ah!

ORSINI
alzandosi

Marrano di Castiglia!

GUBETTA

Scheran Traterverino!

Orsini afferra un coltello.

DAME

Cielo! costui si battono!

LIVORETTO, VITELLOZZO, PETRUCCI E GAZELLA
trattenendo Orsini
Che far? t'acqueta, Orsino.

DAME

Fuggiam, fuggiam di qua.


Le dame fuggono.

ORSINI

Marrano!

GUBETTA

Trasteverino!

LIVORETTO, VITELLOZZO, PETRUCCI E GAZELLA

T'acqueta.

ORSINI E GUBETTA

Io ti darò, balordo,

Un tal di me ricordo,

Che temperante e sobrio

Per sempre ti farà.

GENNARO, LIVORETTO, VITELLOZZO, PETRUCCI E GAZELLA

Finitela, cospetto!

All'ospirte rispetto ... Olà!

O tutta quanta accorrere

Farete la città.


SCENA V

LIVORETTO
Pace, pace per ora ...

VITELLOZZO

Avrete il tempo di battervi

Doman da cavalieri,

Non col pungal come assassin di strada.

ORSINI, GENNARO E GUBETTA

È ver.

GENNARO

Ma delle nostre spade che femmo noi?

ORSINI

Le abbiam disposte fuori.

GENNARO, PETRUCCI, GUBETTA E GAZELLA

Non ci pensi più.

GUBETTA

Beviam, signori.

GAZELLA

Ma intanto sbigotite ci han lasciate le dame.

GUBETTA

Torneranno: ed ultimamente chiederemo scusa.

UN COPPIERE
vestito di nero, che porta in giro una bottiglia
Via di Siracusa.

ORSINI, LIVEROTTO, VITELLOZZO, PETRUCCI, GAZELLA E GUBETTA

Ottimo per mia fè!

Versano e bevono tutti. Gubetta versa il bicchiere dietro le spalle.

GENNARO

(Maffio, vedesti? lo Spagnuolo non beve.)

ORSINI

(Che importa? È naturale: ebbro esser deve.)

GUBETTA
barcollando
Or, se gli piace, amici, può schiccherar Orsin

Versi a sua posta, perchè poeta ognun faria tal vino.

ORSINI

Sì: a tuo dispetto.

GLI ALTRI

Una ballata, Orsino.

ORSINI

Il segreto per esser felici

So per prova e l'insegno agli amici

Sia sereno, sia nubilo il cielo,

Ogni tempo, sia caldo, sia gelo,

Scherzo e bevo, e derido gl'insani

Che si dan del futuro pensier.

Non curiamo l'incerto domani,

Se quest'oggi n'è dato a goder.

GLI ALTRI

Sì, non curiamo l'incerto domani,

Se quest'oggi n'è dato a goder.

VOCE
di dentro
La gioja de' profani è un fumo passaggier.

CORO
di dentro
La gioja de' profani è un fumo passaggier.

GENNARO

Quai voci!

ORSINI

Alcun si prende gioco di noi.

TUTTI

Chi mai sarà?

ORSINI

Scommetto che delle dame

Una malizia è questa.

GLI ALTRI

Un'altra strofa, Orsino.

ORSINI

La strofa è presta.

Profittiamo degli'anni fiorenti,

Il piacer li fa correr più lenti;

Se vecchiezza con livida faccia

Stammi a tergo e mia vita minaccia,

Scherzo e bevo, e derido gl'insani, ecc.

GLI ALTRI

Sì, non curiamo, ecc.

CORO
di dentro
La gioja de' profani è un fumo passaggier.

Si spengono le faci.

ORSINI

Gennaro! ...

GENNARO

Maffio! Vedi?

Si spengono le faci.

ORSINI

A farsi grave incomincia lo scherzo.

TUTTI

Usciam.

Son chiuse tutte le porte!

Ove siam noi venuti?


SCENA VI
S'apre la porta del fondo, e si presenta Lucrezia vestita tutta in nero, con gente armata.


LUCREZIA

Presso Lucrezia Borgia.

GLI ALTRI
con orrore
Ah! siam perduti!

LUCREZIA

Sì, son la Borgia.

Un ballo, un tristo ballo voi mi deste in Venezia:

Io rendo a voi una cena in Ferrara.

GLI ALTRI

Oh, noi traditi!

LUCREZIA

Voi salvi ed impuniti credeste invano:

Dell'ingiuria mia piena vendetta ho già:

Cinque son pronti strati funebri

Per coprirvi estinti, poichè il veleno a voi temprato è presto.

GENNARO
avanzandosi
Non bastan cinque: avvi mestier del sesto.

LUCREZIA
sbigottita
Gennaro! ... o ciel! ...

GENNARO

Perire io saprò cogli amici.

LUCREZIA
ai soldati

Ite: chiudete tutte le sbarre,

E per rumor che ascolti,

Nessuno in questa sala entrar s'attenti.

ORSINI, LIVEROTTO, VITELLOZZO, PETRUCCI E GAZELLA

Gennaro! ...

GENNARO

Amici! Amici!

LUCREZIA

Uscite.

ORSINI, LIVEROTTO, VITELLOZZO, PETRUCCI E GAZELLA

Oh, noi dolenti!

Sono trascinati via.


SCENA VII

LUCREZIA
Tu pur qui? non sei fuggito?
Qual ti tenne avverso fato?

GENNARO

Tutto, tutto ho presentito.

LUCREZIA

Sei di nuovo avvelenato.

GENNARO
cava l'amplla del contravvaleno
Ne ho il rimedio ...

LUCREZIA

Ah! mel rammento, ah! grazie al ciel ne do.

GENNARO

Cogli amici io sarò spento,

O con loro li partirò!

LUCREZIA
osservando l'ampolla
Ah! per te fia poco ancora,

Ah! non basta per gli amici ...

GENNARO

Non basta? ...

LUCREZIA

No ...

GENNARO

Allor, signora, morrem tutti.

LUCREZIA

Ah! che mai dici?

GENNARO

Voi primiera di mia mano

Preparativei a morir.

LUCREZIA

Io? ... Gennaro!

GENNARO

Sì.

LUCREZIA

Ascolta, insano ...

GENNARO
prende un coltello sulla tavola
Fermo io sono.

LUCREZIA
sbigottita

(Che far? che dir?)

GENNARO

Preparatevi.

LUCREZIA

Spietato!

Me ferir? svenar potesti?

GENNARO

Sì, lo posso: son disperato:

Tutto, tutto, mi togliesti.

Non più indugi.

LUCREZIA

Ah! ferma, ferma.

GENNARO

Preparati.

LUCREZIA

Gennaro! ...

GENNARO
risoluto
Preparati.

LUCREZIA

Ferma ... Ah! ... un Borgia sei ...

GENNARO
gli cale il coltello
Io?

LUCREZIA

Fur tuoi padri i padri miei ...

Ti risparmia un fallo orrendo ...

Il tuo sangue non versar.

GENNARO

Son un Borgia?
piangendo

Oh ciel! che intendo! ...

LUCREZIA

Ah! di più non domandar.
M'odi, ah m'odi ... io non t'imploro

Per voler serbarmi in vita!

Mille volte al giorno io moro,

Mille volte in cor ferita ...

Per te prego ... ah! teco almeno

Ah! non voler incrudelir.

Bevi ... bevi ... il rio veleno

Ah! t'affretta, deh! t'affretta a prevenir.

GENNARO

Son un Borgia!

LUCREZIA

Il tempo vola.

Deh! cedi, cedi,

Deh! t'affretta il veleno a prevenir ...

GENNARO

Giusto cielo!

LUCREZIA

Deh! cedi, il tempo vola.

Ah! t'affretta il veleno a prevenir ...

Bevi, sì, Gennaro, bevi ...

Deh! t'affretta il veleno a prevenir ...

GENNARO
come ascoltando
Maffio muore.

LUCREZIA

Cedi ... per tua madre!

GENNARO

Va: tu sola sei cagion del suo dolore.

LUCREZIA

No, no: Gennaro ...

GENNARO

L'opprimesti ...

LUCREZIA

Nol pensare.

GENNARO

Di lei che festi?

LUCREZIA

Vive ... ah vive ... e a te favella

Col mio duol, col mio terror.

GENNARO

Ciel! tu forse!

LUCREZIA

Ah! sì, son quella.

GENNARO

Tu! ... gran Dio! ... mi manca il cor ...


Cade sopra una sedia.

LUCREZIA

Figlio! ... figlio! ...

Olà! qualcuno! ... accorrete! ...

Aita! ... aita! ...

Niun m'ascolta ... è lunge ognuno.

Dio pietoso, il serba in vita ...

GENNARO

Cessa ... è tardi ...
Io manco, io gelo ...

LUCREZIA

Me infelice!

GENNARO

Ho agl'occhi un velo ...

LUCREZIA

Mio Gennaro, un solo accento ...

Uno sguardo per pietà ...

GENNARO

Madre, io moro ... ah! io moro!


Spira.

LUCREZIA
con orrore

È spento ... è spento! ...


SCENA VIII
Si sente rumore e calpestio. S'aprono le porte.


LUCREZIA

Figlio! ... è spento! ... ah! figlio! ...

Entra il Duca e seguita.

DUCA

Dov'è desso? dov'è?

LUCREZIA

Desso!

additando Gennaro estinto

Miralo.

DUCA E CORO

Ah!

LUCREZIA

Era desso il figlio mio,

La mia speme, il mio conforto ...

Ei potea placarmi Iddio ...

Mi parea far pura ancor ...

Ogni luce in lui m'è spenta ...

Il mio cuore con esso è morto.

Sul mio capo il cielo avventa
Il suo strale punitor.

CORO

Rio misero! orribil caso! ah!

LUCREZIA

Ah! era desso il figlio mio, ecc.

CORO

Si soccorra ... ella muor.

Lucrezia sviene in braccio alle damigelle.