Deidamia

Deidamia

Melodramma in drei Akten

Libretto

Paolo Antonio Rolli

Uraufführung

10. Januar 1741, London (Theatre Royal, Lincoln's Inn Fields)

Besetzung

DEIDAMIA, Tochter des Königs Lycomedes (Sopran)
NEREA, ihre Freundin, eine Prinzessin (Sopran)
ACHILLES, unter dem Namen Pirrha, in Mädchenkleidern (Sopran)
ODYSSEUS, König von Ithaka, unter dem Namen Antilochos (Tenor)
PHÖNIX, König von Argos (Bassbariton)
LYCOMEDES, König von Skyros (Bass)
NESTOR, König von Pylos (stumme Rolle)

Hofstaat, Deidamias Gefährtinnen, Volk

Ort

Insel Skyros im Ägäischen Meer

Zeit

Kurz vor Beginn des Trojanischen Krieges

Haendel, Georg Friedrich

Händel [Handel, Hendel], Georg Friedrich [George Frideric]
23.2.1685 Halle - 14.4.1759 London


Bühnenwerke
mit Datum/Ort der Uraufführung:

Der in Krohnen erlangte Glücks-Wechsel oder Almira, Königin von Castilien (8.1.1705 Hamburg)
Die durch Blut und Mord erlangete Liebe [Nero] (25.2.1705 Hamburg)
Vincer se stesso è la maggior vittoria [Rodrigo] (1707? Firenze)
Der beglückte Florindo; Die verwandelte Daphne (1.1708 Hamburg)
Agrippina (26.12.1709 Venezia)
Rinaldo (24.2.1711 London)
Il pastor fido (22.11.1712 London)
Teseo (10.1.1713 Londo)
Lucio Cornelio Silla (2.6.1713 London)
Amadigi di Gaula (25.5.1715 London)
Radamisto (27.4.1720 London)
Muzio Scevola (15.4.1721 London) [+ Amadei, Bononcini]
Floridante (9.12.1721 London)
Ottone, Rè di Germania (12.1.1723 London)
Flavio, Rè di Longobardi (14.5.1723 London)
Giulio Cesare in Egitto (20.2.1724 London)
Tamerlano (31.10.1724 London)
Rodelinda, Regina de' Longobardi (13.2.1725 London)
Publio Cornelio Scipione (12.3.1726 London)
Alessandro [Rossane] (5.5.1726 London)
Admeto, Rè di Tessaglia (31.1.1727 London)
Riccardo Primo, Rè d'Inghilterra (11.11.1727 London)
Siroe, Rè di Persia (17.2.1728 London)
Tolomeo, Rè di Egitto (30.4.1728 London)
Lotario (2.12.1729 London)
Partenope (24.2.1730 London)
Poro, Rè dell'Indie (2.2.1731 London)
Ezio (15.1.1732 London)
Sosarme, Rè di Media (15.2.1732 London)
Orlando (27.1.1733 London)
Arianna in Creta (26.1.1734 London)
Il pastor fido [rev] (18.5.1734 London)
Ariodante (8.1.1735 London)
Alcina (16.4.1735 London)
Atalanta (12.5.1736 London)
Arminio (12.1.1737 London)
Giustino (16.2.1737 London)
Berenice (18.5.1737 London)
Faramondo (3.1.1738 London)
Serse (15.4.1738 London)
Imeneo (22.11.1740 London)
Deidamia (10.1.1741 London)
rev = Bearbeitung

ERSTER AKT
Achilles wird bei König Lycomedes auf der Insel Skyros in Mädchenkleidern unter dem Namen Pirrha erzogen, weil Peleus und Thetis ihren Sohn vor dem frühen Tod in der Schlacht, wie ein Orakel verkündet hat, bewahren wollen. Deldamia, die Tochter des Königs, verliebt sich in den Heranwachsenden, in dem sie trotz der Mädchenkleider den Mann erkannt hat. Zu dieser Zeit rüsten die Fürsten Griechenlands zum Krieg gegen Troja, doch Kalchas weissagt, dass der Kampf nur mit Achilles, der auf Skyros lebt, siegreich beendet werden kann. Aus diesem Grund fahren Odysseus unter dem Namen Antilochos, Phönix, der König von Argos, und der weise Nestor auf die Insel. Lycomedes begrüsst die ankommenden Gäste und sagt seine Hilfe gegen Troja zu. Zwar leugnet er, wie versprochen, Achilles Anwesenheit, gestattet aber dann, dass die Griechen nach ihm suchen. Deidamia ist, wie sie Nerea vertraut, besorgt, den Freund zu verlieren, der ihr schon gestanden hat, dass er des Lebens in Mädchenkleidern überdrüssig ist, kann aber Odysseus, der sie aufsucht und listig nach dem Gesuchten fragt, noch einmal ablenken.

ZWEITER AKT
Odysseus will Achilles eifersüchtig machen und heuchelt Liebe zu Deidamia. Der junge Held hört heimlich zu und stellt seine Geliebte, nachdem der Versucher gegangen ist, zur Rede. Lycomedes lässt auf Wunsch seiner Gäste eine Jagd veranstalten Wieder fürchtet Deidamia, dass sich Achilles verraten könnte. Tatsächlich kann Odysseus während der Jagd beobachten, dass ein junges Mädchen einen grossen Hirsch erlegt und teilt dies Phönix, der sich inzwischen in Nerea verliebt hat, mit. Beide wollen das »Mädchen« stellen und machen ihr eine Liebeserklärung. Deidamia kann die Situation noch einmal, allerdings völlig fassungslos, retten, doch die beiden Griechen sind überzeugt, dass Pirrha kein Mädchen ist.

DRITTER AKT
Nerea wirft ihrem Verehrer Phönix Flatterhaftigkeit vor, denn er habe mit ihr und Pirrha kokettiert, doch schliesslich gestehen sich beide ihre Liebe. Odysseus lässt im Palast eine Anzahl Gastgeschenke, Tücher, Bänder, Kleider, Waffen und Jagdgeräte auslegen. Begeistert entscheidet sich Pirrha für die kostbaren Waffen und greift zu Helm und Schwert, sich damit selbst verratend. Deidamia ist verzweifelt und wendet sich zornig gegen die Griechen, zumal sie weiss, dass nach einem Orakelspruch Achilles vor Troja fallen wird. Sie glaubt ihren Liebsten für immer verloren. Doch da kommt Achilles, endlich als Mann gekleidet, und holt Deidamia zur Hochzeitsfeier. Odysseus, der sich jetzt auch zu erkennen gibt, tröstet die Braut mit dem Hinweis, dass auch er seine Gattin zu Hause gelassen hat. Eine Doppelhochzeit, Achilles und Deidamia sowie Phönix und Nerea, wird festlich begangen.


Opera in tre atti


Personaggi:
DEIDAMIA, figlia di Licomede, Re di Sciro, isola dell'Egeo
NEREA, principessa del sangue
ACHILLE, in abito donnesco e col nome di PIRRA
ULISSE, che si finge Antiloco, figlio di Nestore, venuto col padre
FENICE, Ambasciatore greco
LICOMEDE, Ambasciatore greco

1 - Ouverture

ATTO PRIMO
La Scena si svolge presso la reggia di Sciro.

SCENA I
Vestibolo della reggia presso al lido, con trono di marmo.
Licomede sul trono: Ulisse, Fenice e Nestore che sbarcano.


2 - Recitativo
ULISSE
Per vendicar di Menelao l'offesa,
cui Paride troian, di Priamo un figlio,
tradì l'ospizio santo ed in Micene
già rapì la consorte Elena bella,
tutta la Grecia è in armi
per l'eccidio di Troia. A te n'invia
il re de' regi Agamennone: ei brama
che Licomede re di Sciro sia
a parte ancor della comun vendetta,
e le tue navi all'alta impresa aspetta.

LICOMEDE
Sessanta delle mie navi guerriere
portino a nostra antica emula gente
l'alta vendetta del comune oltraggio.

FENICE
Degna virtù de' regi,
oh generosità rara nel mondo!

ULISSE
Ma non è questo sol ciò che ti chiede
la Grecia tutta. Il celebre Calcante,
cui l'avvenir fanno palese i numi,
disse che, senza Achille
Troia espugnar non lice. A molti è noto
che, timoroso il genitor Peleo
della morte del figlio, a te il mandasse
per occultarlo.

LICOMEDE
Invan da me il bramate:
verso la patria sua la stessa nave
che il portò qui, lo ricondusse.

FENICE
E invano
nascosto fia: Grecia lo vuol.

ULISSE
S'ei vive
in tuo poter, pensa che greco sei
e che il destin troiano,
per voler degli dei, giace in tua mano.


3 - Aria
ULISSE
Grecia tu offendi,
Troia difendi,
se Achille vuoi salvar.
Quel che di Giove
dal ciglio move
sai che non può mancar.
Colpo di fato,
quand'altri ha spene
che sia scampato,
allor lo viene
ad incontrar.
Grecia tu offendi, etc.
Parte


4 - Recitativo
LICOMEDE
Falsa è la voce che in mia reggia avesse
lungo soggiorno il giovane Pelide:
e s'ei tornasse, or troveria negato
l'asilo in tutto il regno.
Cerchisi 'n ogni lato: io vel permetto.
Che vuolsi più?

FENICE
Pensar chi ardisce mai
da magnanimo cor negato il vero?
Ma per servizio del comune onore
accettisi l'offerta.

LICOMEDE
Il regno mio
vostro sarà, finché il restar v'aggrada.

FENICE
La generosa ospital gloria è quella
che le greche distingue
dalle barbare genti: e violato
fu l'ospizio dal reo Paride ingrato.


5 - Aria
FENICE
Al tardar della vendetta,
o la scorda o non l'aspetta,
e sen ride l'offensor.
Alfin l'empio scorger suole
che in esempio il ciel lo vuole
castigato dall'error.
Al tardar, etc.
Parte

Recitativo
LICOMEDE
O d'amicizia sante leggi, voi
dell'amico Peleo sentir mi fate
più al vivo le paterne tenerezze.
Gli oracoli predetto han certa morte
ad Achille, se a Troia ei volge l'armi.
Son padre, amico son: romper tai nodi,
di natura nemico,
può chi padre non è, chi non è amico.


6 - Recitativo
LICOMEDE
Sì, viva occulto il giovinetto Achille
nella mia reggia: il voglion salvo i numi,
se gli minaccian morte
quand'ei tenti espugnar d'Ilio le porte.

7 - Aria
LICOMEDE
Nelle nubi intorno al fato
a' mortali non è dato
con lo sguardo penetrar.
Dello scampo e della morte
chi predir sentì la sorte
allo scampo ha da pensar.
Nelle nubi, etc.
Parte


SCENA II
Galleria terrena con veduta di campagna.
Deidamia con altre nobili fanciulle a' vari lavori, e Nerea.


8 - Arioso
DEIDAMIA
Due bell'alme innamorate,
care, fide, amanti amate,
sono sole l'idea del diletto.

Recitativo
DEIDAMIA
Dov'è Pirra? che fa?

NEREA
Dianzi la vidi
veloce damma seguitar correndo.

DEIDAMIA
Violenti diporti
lunge da noi l'allettan sempre. Eurilla,
vanne in traccia e ver noi l'affretta. Oh quanto
temo che delle selve
la cacciatrice Dea non ce la involi,
per aver gara ad inseguir le belve.
(Ma chi sa se mi riama il mio bene.
Ahi, non viene con la brama
ch'io l'aspetto!)
Nerea, ma tardar tanto ella non suole:
temo sinistro evento.

NEREA
Scender dal colle rimirar la puoi.

DEIDAMIA
(Brillar nuovo piacer nell'alma io sento)

NEREA
Cessar convien da' nostri
lavori a lei tanto odiosi: alfine,
sazia di selve e fere,
se ne andrà fra le amazzoni guerriere.


9 - Aria
NEREA
Diè lusinghe, diè dolcezza,
non fatica, non asprezza,
sorte amica alla beltà.
Nasce questa a molli affetti
e a temprar ne' fieri petti
la crudel ferocità.
Diè lusinghe, etc.


10 - Recitativo
DEIDAMIA
Ecco il mio ben. Tutt'i momenti, ahi lassa!
che quel vivace e vigoroso spirto
da me lontano il trae, pena e timore
combattono quest'alma:
ma le porta al ritorno e gioia e calma.

11 - Arioso
DEIDAMIA
Due bell'alme innamorate,
care, fide, amanti amate,
sono sole l'idea del diletto.


SCENA III
Achille e dette.

12 - Aria
ACHILLE
Seguir di selva in selva
la fuggitiva belva
diletto egual non ha.
L'appressi, e lanci 'l dardo
rapido come il guardo,
che morte alfin le dà.
Seguir, etc.

Recitativo
ACHILLE
E sempre fisse vi ritrovo a queste
opre d'ozio. Sorgete: al bel mattino
siegue lucido il giorno, e fresca auretta
a ben più dilettose opre ne alletta.

DEIDAMIA
Nell'ameno giardino
itene a farvi adorno
il crine e il sen di fiori.

ACHILLE
Altre al bersaglio
o vibri il dardo o le saette scocchi;
altre in corsa gareggino.

DEIDAMIA
Partite:
vi sieguo.

Nerea e le altre partono.

13 - Recitativo
DEIDAMIA
E tu, mio ben...

ACHILLE
Pochi momenti,
deh, lasciami bear ne' tuoi begli occhi.

DEIDAMIA
Queste tue troppo ruvide fatiche
ti faranno scordar le tenerezze
de' nostri occulti amori.

ACHILLE
Anima mia,
l'ozio fa l'alme vili;
le generose solo
nascono al dolce ardor d'un amor vero.

DEIDAMIA
E m'amerai, cor mio?

ACHILLE
Sì, fino a morte

DEIDAMIA
Ahi, temo più che spero!

14 - Aria
DEIDAMIA
Quando accenderan quel petto
i trasporti del valor,
a me pensa, o caro, allor,
e a quel cor che tuo non è.
Le promesse dell'affetto,
idol mio, deh non scordar:
alma avezza a bene amar
è costante nella fé.
Quando accenderan, etc.
Parte

15 - Recitativo
ACHILLE
Alla delizia del cor mio diletta
sempre fido sarò, sempre amoroso.
Ma questi dolci affetti
aman troppo il riposo:
no, non arrestin corso
ad altri bei diletti, e poscia a quelle
da me aspettate opre d'onor più belle.

16 - Aria
ACHILLE
Se pensi, Amor, tu solo
per vezzo e per beltà
regnare in questo sen,
Amor, t'inganni.
Non perde mai del volo
augel la libertà,
che spesso al caro ben
rivolge i vanni.
Se pensi, etc.
Parte


SCENA IV
Camera. Nerea, Deidamia.

17 - Recitativo
NEREA
L'uno è Fenice d'Argo,
l'altro è Nestore pilio,
e Antiloco suo figlio è il terzo.

DEIDAMIA
E questi
inchiesta a Licomede
far d'Achille intendesti?

NEREA
Tutta la Grecia occulto seco il crede,
e minacciosa il chiede.

DEIDAMIA
(Oh qual periglio
correte, affetti miei!)
Vana richiesta!

NEREA
Viene Antiloco: io parto.

DEIDAMIA
Deh, tutto a parte ad ascoltar t'arresta.
Principessa, mi sei fedel? di': m'ami?

NEREA
Quanto me stessa.

DEIDAMIA
Prova
vedrò.

NEREA
Vedrai che bramo quel che brami.


18 - Aria
NEREA
Sì che desio
quel che tu brami:
maggior' legami
amor non fa.
Quel del cor mio
è amor perfetto:
non ha diletto,
se il tuo non l'ha.
Sì che desio, etc.
Parte


SCENA V
Ulisse e dette.

19 - Recitativo
ULISSE
Invano, o principessa,
qui di Peleo venni a cercare il figlio.
Ma di speme delusa
alto compenso fia
del tuo padre real l'aiuto offerto,
e i gran pregi ammirar di Deidamia

DEIDAMIA
Grato d'illustri principi l'arrivo
è sempre a queste soglie.
D'Elena dunque il ratto
vuol Grecia vendicar?

ULISSE
Vuole il suo sdegno
che al Troiano ostinato
costino la perfidia ed il rifiuto
la rovina del regno.

DEIDAMIA
Resti rea donna al suo rimorso in preda.
Vil parmi la cagion di tanta guerra.

ULISSE
Ma in la bilancia dell'onor si pesa,
più che il fallo, l'offesa.
Perdita poi maggiore
non v'è d'alta bellezza,
fonte del sol piacer,
ch'è quel d'amore.


20 - Aria
ULISSE
Perdere il bene amato
che il Fato e Amor ti diè,
l'estremo è del dolor.
Ma del vederla ancor
ad un rivale in braccio
morte peggior non è.
Furore disperato
t'agita l'alma allor:
ognun dovrebbe armato
teco punir l'error,
perché l'istesso affanno
deve temer per sé.
Perdere il bene, etc.
Parte

21 - Recitativo
DEIDAMIA
Da questi scaltri ospiti greci è d'uopo
lunge tener quanto possibil fia
il travestito Achille,
l'amata anima mia.
In dolce corrisposto affetto ascoso
chi è di me più felice?
Soccorri i tuoi seguaci, Amor pietoso.

22 - Aria
DEIDAMIA
Nasconde l'usignolo
in alti rami il nido
al serpe e al cacciator,
ma il volo spesso e fido
dove lo porta amor
che il può tradir non sa.
Lontana sì, ma in pene,
quest'alma dal suo bene
più l'arte ingannerà.
Nasconde, etc.
Parte

ATTO SECONDO

1 - Sinfonia

SCENA I
Giardino.
Achille.


Recitativo
ACHILLE
Deidamia qui veggo
appressarsi, e un guerrier seco: chi mai,
qui non veduto ancor, fia questi? Oh quanto
vago è quel bianco e tremulo cimiero
su quel dorato elmetto!
Ben se gli assetta il fino usbergo, e pende
leggiadro inver dal poderoso fianco
il brando decisor d'impegni! In quella
siepe ascondomi a udir quel ch'ei favella.


SCENA II
Ulisse e Deidamia, (Achille nascosto).

2 - Recitativo
ULISSE
Esser non può mortale
chi sia di te più bella.
Se il perfido Troian, pria che a Micene,
approdato qui fosse,
d'Elena la bellezza or non porrebbe
la Grecia e l'Asia in guerra.

DEIDAMIA
Dolce è ascoltar la meritata lode,
ma questa tal non è: venne al tuo labbro
dal cor gentile e dal cortese sguardo.

ULISSE
Venne dal core, è vero:
dal cor che i primi tuoi sguardi vezzosi
ferito han sì che risanarlo soli
altri sguardi potran dolci amorosi.
Non mi rispondi? e di vermiglia rosa
spargi le guance dilicate? Un fido
amor dettò quel ch'ora il labbro dice.

DEIDAMIA
Risposta dar, qual brami, a me non lice.

ULISSE
Ma pria la speme da te sol dipende.
Sdegnoso forse è il vago tuo rossore?
Rispondimi.

DEIDAMIA
Non deggio.

ULISSE
T'offende l'amor mio?

DEIDAMIA
Lo penso onore.

ULISSE
Ahi che, sebben sincero,
Antiloco ti spiace!

DEIDAMIA
Piace chi s'ama, è vero;
ma non s'ama per questo ognun che piace.

ULISSE
Deh, un guardo alletti almen la mia speranza.
Costanza e Amor vogliono pur ch'io speri.

DEIDAMIA
Molto possono uniti Amor, Costanza.

3 - Aria
ULISSE
Un guardo solo,
pupille amate:
conforto al duolo,
deh, non negate:
ma un guardo, o care,
in cui sfaville
d'Amor la face.
Ogn'altro sguardo
che a me volgete
è freddo, è tardo:
deh, mi rendete,
pietose, vezzose,
al cor la pace.
Un guardo, etc.
Parte

Recitativo
DEIDAMIA
Oh che importuni affetti!
Ma dov'è il caro Achille?
Son pur soletta e, com'ei suol, non viene?
Perché tal lontananza?

ACHILLE
Molto possono uniti Amor, Costanza.

DEIDAMIA
Quivi nascosto...

ACHILLE
Il tutto intesi. Oh quanto
ti dilettaron di beltà le lodi,
ti piacquero gli affetti ed i sospiri!
Avresti fino al tramontar del giorno,
s'ei non partiva, udito il nuovo amante.

DEIDAMIA
Ma non doveva io già...

ACHILLE
Taci, incostante.
Fremer lo sdegno io mi sentia nel core.

DEIDAMIA
Ma non t'offesi, o caro.

ACHILLE
Non m'offende il tu' amor, lo penso onore.
Quando ti cominciò parlar d'affetto,
compor di serietà dovevi il volto
e dir: parlami d'altro, o non t'ascolto.

DEIDAMIA
Rimproveri crudeli a un'innocente.

ACHILLE
No, che non è fedele a un solo oggetto
chi gli affetti e i sospir d'un altro sente.

DEIDAMIA
Pace, bell'idol mio: sai che costante
solo a te...

ACHILLE
Va', infedele, al nuovo amante.

4 - Aria
ACHILLE
Lasciami.
Tu sei fedele?
Vattene.
Tu sei costante?
Ah, lasciami, infedele,
non posso amarti più.
Scegliere
vuò un altr'oggetto,
ardere
d'un altro affetto.
Che potrai dir, crudele?
Farò quel che fai tu.
Parte

5 - Recitativo
DEIDAMIA
Se l'ira del mio bene io non pensassi
più dispetto d'amor che vero sdegno,
m'opprimerebbe l'alma aspro dolore.
Ma pur ascolto, ahi lassa!
le voci del timore.


SCENA III
Nerea e detta.

Recitativo
NEREA
Il real Licomede,
de' prencipi a diporto,
di caccia dilettosa ordin già diede;
e vuol, qual è nostr'uso,
che con l'altre donzelle
ne siam le ninfe cacciatrici.

DEIDAMIA
Ahi lassa!

NEREA
Perché sospiri?

DEIDAMIA
Ah, che il secreto mio
fidato al tuo bel cor viepiù s'espone.
Quello spirto, quel brio
sveleran quel ch'è Pirra: e chi può mai
distorla dal venir?

NEREA
Dianzi Fenice
di beltà mi diè lode,
e d'affetti parlò.

DEIDAMIA
Lo stesso fece
Antiloco ver me.

NEREA
Nostre lusinghe
e quel di Pirra disprezzante orgoglio
faran sì che terrem gl'illustri amanti
lunge da lei. Sappi aiutar la frode
con finti guardi e docili maniere.

DEIDAMIA
L'avviso sieguirò.

NEREA
Lungo sel gode
chi maneggia con arte il suo piacere.

6 - Aria
NEREA
D'amor ne' primi istanti
facili son gli amanti
a farsi lusingar
solo per vanità.
Del merto lor l'effetto
credono quell'affetto,
e il vanto voglion dar
più a sé che alla beltà.
D’Amor, etc.
Parte

7 - Recitativo
DEIDAMIA
Lusinghe allettatrici
son queste sì, ma son lusinghe sole.
Raro ben si rannoda
laccio d'amor che dallo sdegno è sciolto.
Speme allettar mi vuole,
e pur sol del timor le voci ascolto.
Forse Achille ricopre
di sdegnoso color nuovo pensiero
d'abbandonarmi.
Oh dei, come viver potrò,
se questo è vero!

8 - Aria
DEIDAMIA
Se 'l timore il ver mi dice,
infelice abbandonata,
sorte ingrata! io morirò.
Ma, diletta a mia costanza
la speranza a dir mi viene
che 'l mio bene io placherò.
Se ‘l timore, etc.
Parte


SCENA IV
Licomede, Ulisse.

Recitativo
LICOMEDE
Della caccia i diporti
deliziosi ha il regno mio. La reggia
siede a specchio dell'onde,
e quegli ameni campi e ombrosi colli
le fanno verde anfiteatro intorno.

ULISSE
Degno regal riposo
d'inclito eroe che pien di gloria e d'anni
godesi un meritato almo soggiorno.

9 - Recitativo
LICOMEDE
In quelle piagge o in quelle annose selve
sian oggi vostra dilettevol preda
le fuggitive belve.
M'appagherò del sol racconto. Un tempo
la corsa e il dardo erano i miei diletti,
le fatiche più grate. Il piè non puote
più il comando eseguir dei desir miei,
ma in tranquilla vecchiezza
ozio felice anche mi dan gli dei.

10 - Aria
LICOMEDE
Nel riposo e nel contento
godo e sento
lieve il peso dell'età;
e la vita mia contenta
lieta e lenta
alla meta se ne va.
Nel riposo, etc.
Parte


SCENA V
I cacciatori e le cacciatrici appariscono.

11 – Soli e Coro
ULISSE e CORO di cacciatori
Della guerra la caccia ha sembianza,
sono scuola di Marte le selve:
v'è coraggio, fatica e costanza
in seguir e in combatter le belve.

DEIDAMIA e CORO di cacciatrici
E poi dopo l'affanno e il diporto
sono amor e riposo il conforto.

TUTTI
Della guerra ecc.
Partono


SCENA VI
Foresta. Siegue al coro una breve sinfonia di caccia.
Fenice ed Ulisse, e poi Nerea.


Recitativo
FENICE
Inseguito da' veltri,
rapido cervo di ramose corna
venir da lunge mira.
Vanne a quel varco: io resto,
se il tratto manchi, ad aspettarlo in questo.

NEREA
Teco sarò, ma il primo colpo io bramo.

FENICE
Tuo, ninfa bella, siane pur l'onore:
s'è di tua mano il dardo
come quei del tuo sguardo all'alma mia,
lanciato il colpo, inevitabil fia.

NEREA
Di gentil cortesia vago concetto,
ma non di vero affetto!
Forse qual d'Argo alle beltà mi fai
amorose parole e dolci vezzi,
poi nel cor te ne ridi e mi disprezzi.

12 - Recitativo
FENICE
Dalle fiamme d'amore
libero fin che qui giunsi ebbi 'l seno,
perché in Argo non vidi
bellezza a quella ugual cui parlo e vedo.

NEREA
Men l'eroe veggo in te che il cacciatore.
Giunger la preda vuoi,
per non curarne poi: no, non ti credo.

13 - Aria
NEREA
Non ti credo, non mi fido:
maggior prova al ver si vuole.
Non sospiri, non parole
bastan l'alma a incatenar.
Lo concedo che un infido
disinvolto è nel momento,
ma, disciolto, suol qual vento
col momento poi cangiar.
Non ti credo, etc.
Parte


SCENA VII
Ulisse e detto.

14 - Recitativo
ULISSE
Ninfa da noi non vista ancor, veloce
seguia quel cervo, lo raggiunse, e il dardo
ben d'appresso vibrò, colpì, l'estinse;
poi rinselvossi, altro a inseguir.
Fenice,
credi tu sciolta d'amoroso laccio
Deidamia?

FENICE
Quell'innocente aspetto
tal idea ne comparte:
un'arte è forse.

ULISSE
È certamente un'arte.
Presa è d'amor.

FENICE
Chi è dunque
l'amato? Un di noi forse è quello.

ULISSE
No,
ma il giovinetto Achille
in vesta femminil.
Quel colpo, al certo,
lanciato fu da destra
di viril forza, e nel ferir maestra.
Va' sull'avviso, osserva
i moti e i guardi.

FENICE
Oh quanto
scaltro sei! Nella caccia,
più che di fere, andrò d'Achille in traccia.

15 - Aria
FENICE
Presso ad occhi esperti già
ne' misteri dell'amor,
sia guardingo amante cor
che sue fiamme vuol celar.
Quando sola è la beltà,
l'accarezzi e ammiri allor:
un sol guardo ed un rossor,
un sospir le può svelar.
Presso, etc.
Parte


SCENA VIII
Achille e detto.

16 - Recitativo
ULISSE
Pochi momenti a me, ninfa vezzosa.

ACHILLE
La caccia forse non t'aggrada?

ULISSE
Allettami
la cacciatrice più.

ACHILLE
Dimmi, potrei
saper chi più fra noi
par bella agli occhi tuoi?

ULISSE
Quella tu sei.

ACHILLE
Parve a tutte però che Deidamia
pria t'accendesse il sen.

ULISSE
Te vista ancora
io non avea. D'amor nemica è quella:
tu nol sei forse, e forse ancor più bella.

ACHILLE
Valoroso e sagace, apposto in parte
ti sei. Non son nemica io degli amanti,
ma nemica d'amor: n'amo il corteggio,
ma impero sul mio cor mai non avranno.
Spergiuri ed infedeli,
vantan fede ed affetto
sol per conquista del presente oggetto.
Ma perdo il mio piacer.

ULISSE
Deh, più dimora:
spirto maggior del femminil costume
scorgo in te...

ACHILLE
Scaltro sei: ben conoscesti
ch'amo la lode, e lusingar mi sai.


SCENA IX
Deidamia in disparte, e detti.

Recitativo
ULISSE
Ma più amar ben poss'io.
Deh, vezzoso idol mio,
mia fé, mia destra accogli. Amor disciolta
lasciar non può tanta beltà. Tu ridi?

ACHILLE
Rido di te: Deidamia t'ascolta.

17 - Aria
ULISSE
No, quella beltà non amo
Verso Deidamia.
che l'amor mio sprezzò.
Sì, bella, te sola io bramo:
Ad Achille.
quel guardo mi piagò,
e quel mi sanerà.
A questa orgogliosetta,
mio ben, non sii fedele:
esser ognor crudele
solo t'insegnerà.
No, quella beltà, etc.
Parte

18 - Recitativo
DEIDAMIA
Questa è la caccia ch'ami tanto?
Questo è seguirmi? Crudel, meco placato
mi promettesti, ingrato,
d'evitar questi Greci
che a tua ruina sol vennero.

ACHILLE
Cara,
tralasciar non potei sì bel diletto
d'udir un saggio eroe
serio amante m'offrir fede ed affetto.

DEIDAMIA
Ti scopriranno alfine. Ah, che non m'ami,
quel ch'io bramo non brami.
Povera Deidamia,
dove fondò gli affetti e le speranze!
Misera e abbandonata alfin sarà.

ACHILLE
Anima mia, vano è il timore.

19 - Aria
DEIDAMIA
Va, va, perfido:
quel cor mi tradirà.
Ah barbaro,
no che non sei fedel, no che non m'ami.
Ahi, misera
quest'alma resterà,
ma libera
poi morte mi farà: crudel, lo brami.
Va, va perfido, etc.
Parte

20 - Recitativo
ACHILLE
Placar tosto saprò la mia diletta.
Cerva corrente vien: voglio a quel varco
lanciarle il dardo.


SCENA X
Fenice e detto, e poi coro di cacciatori e Ninfe

Recitativo
FENICE
Aspetta.

ACHILLE
Deh, mi lascia.

FENICE
Deh, bella,
t'è più caro di belve
far preda che d'amanti?

ACHILLE
Sempre avvezza ai diporti delle selve,
con amor libertà cangiar non bramo.

FENICE
T'offro un'alma costante e d'Argo il soglio.

ACHILLE
Non mi mancan grandezze, e amor non voglio.

21 - Aria
ACHILLE
Sì m’appaga,
sì m’alletta
quella vaga
collinetta
più che tanti
folli amanti
o d'un sol la fedeltà.
Sprezzo Amore:
più mi piace
timidetta
seguir l’orma
sì fugace,
che le gioie
più dilette
ch’ei promette
e poi non dà.
Sì m’appaga, etc.
Parte

22 - Recitativo
FENICE
No, che ninfa non è.
Ma già finito
è il diporto

Sinfonia Breve con corni

Al ritorno
chiama già l'oricalco i cacciatori.
Miglior consiglio in corte
condurrà nostro senno a lieto fine.
Malgrado a sorte infida,
molto s'ottien quando prudenza è guida.

CORO di cacciatori e ninfe
L'alto Giove al travaglio penoso
per seguace il riposo formò,
come appresso di Marte alla face
e la gloria e la pace mandò.

ATTO TERZO

1 - Sinfonia

SCENA I
Pianterreno. Fenice e Nerea.

2 - Recitativo
FENICE
Assai gioco di me, Nerea, prendesti
alla caccia e alla mensa,
pria nel rifiuto di sinceri affetti,
e in motteggiarmi poi ch'altrui gli offersi.

NEREA
Sol ti diss'io che vai mutando oggetti.

FENICE
Ma preferita, mi sprezzasti.

NEREA
È in Argo
l'amoroso costume
una sol volta offrir dunque il suo core?
Ignota quivi è certo
la costanza in amore.
Pirra non men di me fra le compagne
riso avrà forse della sua conquista.
Possesso di beltà degna che s'ama
facilmente si brama,
ma con difficoltà grande s'acquista.
Guerre di lungo assedio
son l'amorose, e tempo tu non hai,
se all'imprese dell'Asia in breve andrai.

FENICE
Quanto più da un amato
sen partirei contento,
e dopo il gran cimento
se tornassi con lauri al crin di gloria,
più i riposi godrei della vittoria.
Pensa, se greca sei,
ch'ozioso amator prezzar non dei.

3 - Aria
FENICE
Degno più di tua beltà
questo cor ritornerà
dalle prove del valor.
Lo sprezzante tuo pensier,
perch'ho l'animo guerrier,
è a te d'onta, a me d'onor.
Degno, etc.
Parte

4 - Recitativo
NEREA
Molto dagli altri amanti
differiscon gli eroi.
Con impeto e valore,
non con lusinga ed arte,
fan le geste d'Amore
come quelle di Marte:
e se lor non succede
quella per cui movesi l'alma accesa,
non perdon tempo e vanno ad altra impresa.

5 - Aria
NEREA
Quanto ingannata è quella
mal consigliata bella
che offerto dall'amante
l'istante perderà.
Se piace il primo sguardo,
stringasi 'l nodo allora:
allontanato dardo
il colpo mai non fa.
Quanto ingannata, etc.
Parte


SCENA II
Galleria.
Fenice, Ulisse, poi Deidamia e le sue compagne con Achille.


6 - Recitativo
FENICE
Tutto è già pronto.

ULISSE
Licomede or giace
dopo il cibo nel solito sopore.
Pirra verrà?

FENICE
De' nostri doni avviso
giunger le feci, e ne mostrò vaghezza.
Vengono.

ULISSE
Ma fra lor Pirra non veggio.
Delusa è questa trama.

FENICE
Illustri belle,
s'alle cortesi e nobili accoglienze
questi doni non fian compenso uguale,
saranlo in parte degno,
come di nostra gratitudin segno.

ULISSE
Varie bell'opre d'artificio industre
vi piaceran.

ACHILLE
Vengone a parte anch'io.

ULISSE
Apri, Fenice, quella
arca aurata, e tributi abbia ogni bella.

DEIDAMIA
Troppo, inver, generosa cortesia!

ULISSE
Deidamia, tu prima scegli...

DEIDAMIA
Pirra
bramo che scelga pria.

ACHILLE
Bissi, broccati,
e nastri e tanti altri ornamenti vaghi
a te grati son più: scegli...

DEIDAMIA
E che mai
bramato avresti?

ACHILLE
Una faretra, un arco
e ben librati dardi
da lanciarsi alle belve.

ULISSE
Anche alla caccia
pensato abbiam. Mira faretre e strali,
scudo, elmo, brando...

DEIDAMIA
Strani doni!
Pirra, che fai?

ACHILLE
Ben calza al crin l'elmo guerriero.
Specchio lo scudo fia: vago ornamento
fa col suo tremolar bianco il cimiero.

DEIDAMIA
(Soccorso, o Numi! Ei si discopre.)
Lascia, Pirra, i guerrieri arnesi: ecco un bel nastro.

ACHILLE
Lucido, forte, lieve e acuto è il brando,
e d'ambo i lati è ben trinciante il taglio.
Suono di trombe e timpani per assalto.
Che fia ciò?

ULISSE
Di masnada
nemica ardir stupendo!
Assaltano la reggia...

ACHILLE
Io la difendo.

ULISSE
Non è più tempo di scherzar: tu sei
d'un timoroso padre il figlio ardito.
Tutta la Grecia si prepara all'armi
per vendicarsi della grande offesa,
e all'onorata impresa
i veterani e i giovinetti eroi
ardono del desio di nobil gloria.
Vuole un vero valor morte o vittoria.
Le navi approdan già d'Ilio all'arene:
sbarca il greco animoso e Troia assale:
ecco di Priamo il più feroce figlio,
Ettorre, e innanzi all'asta sua fatale
(a difesa, ahi! chi vien del greco onore?)
fuggono mille nostre squadre e mille...

ACHILLE
Che fuggir? fugga Ettorre: ecco, ecco Achille.

7 - Aria
ACHILLE
Ai Greci questa spada
sovra i nemici estinti
apra d'onor la strada,
e Troia perirà.
Il fato di quel regno
sol pende dal mio sdegno;
per me "Qui fu già Troia"
il pellegrin dirà.
Ai greci questa spada, etc.
Parte

8 - Recitativo
DEIDAMIA
Che più giova celarlo? estremo è il male.
Portate lunge dal mio sguardo queste
ministre di furor spoglie funeste.
Oh giorno a me fatale!
Perduta pace mia!

ULISSE
Deh, ti conforta.

DEIDAMIA
Che conforto? Ah, spietato!
tu la mortale mia sciagura porti,
e tu poi mi conforti?

9 - Aria
DEIDAMIA
M'hai resa infelice:
che vanto n'avrai?
Oppressi, dirai,
un'alma fedel.
Le vele se darai
de' flutti al seno infido,
sconvolga orribil vento
l'instabil elemento,
e innanzi al patrio lido
sommergati, crudel.
M’hai resa infelice, etc.
Parte

10 - Recitativo
ULISSE
Verso il gran fine dell'eroiche geste
rompansi le dimore.
Invan dato l'onore
ad Ulisse non fu di scoprir l'arte
del vecchio Licomede e di Peleo,
e di condurre Achille all'alta impresa.
Fisso ho in pensier che quasi tutta mia
la gloria sia di questa gran contesa.

11 - Aria
ULISSE
Come all'urto aggressor d'un torrente
rovinosa alta mole cadente,
sotto al braccio del greco guerriero
tutto d'Asia l'impero cadrà.
Ma il valor, come belva feroce,
senza il senno a sé stesso pur nuoce:
sarò guida degli altri al furore,
e il mio vanto maggiore sarà.
Come all’urto, etc.
Parte


SCENA III
Appartamento. Licomede, e poi Deidamia.

12 - Recitativo
LICOMEDE
Dal destino dipendono gli eventi.
Per dover d'amistà sì l'occultai,
ma per dover che al greco onor mi lega
la scoperta all'altrui senno lasciai.

DEIDAMIA
Padre, al tuo piè m'accogli.

LICOMEDE
Ergiti, o figlia.
Che t'affanna?

DEIDAMIA
Il timore
del tuo sdegno.

LICOMEDE
In che mai
errar puoi, dolce figlia?

DEIDAMIA
Ah, forse errai.

LICOMEDE
Io ti perdono già: parla...

DEIDAMIA
D'amore...

LICOMEDE
Non temer… ti convien… lieve è l'errore.

DEIDAMIA
Pria che il callido greco
Achille discoprisse...

LICOMEDE
Amor l'avea scoperto agli occhi tuoi.
S'io non credea degne al tuo nobil petto
di tale amor le splendide faville,
lunge da te sarebbe stato Achille.

DEIDAMIA
E tu consentirai che m'abbandoni?

LICOMEDE
All'amor tuo vorresti
ch'ei l'onor posponesse?
l'onor dell'armi? Corrisposto affetto
sia pur tra voi, ma sia
pria ch'egli parta sol.

DEIDAMIA
Perché sol pria?

LICOMEDE
Questo ti basti.

DEIDAMIA
Ah, non tacermi, o caro,
dolce mio genitor...

LICOMEDE
Le grandi e forti
alme al di sopra stan d'avverse sorti.
Nell'assedio troiano il ciel predice
che dee perir Achille.
Parte

DEIDAMIA
Ah me infelice!


SCENA IV
Achille e detta.

ACHILLE
Tacita, mesta, sospirosa...

DEIDAMIA
Ah, ingrato,
va’, già pronta è la nave.
Lasciami preda al mio mortal tormento:
udrai la morte mia, sarai contento.

ACHILLE
No, cara anima mia, tempo v'è ancora
ch'io parta dove onore
mi forza, e dar lo vuo’ tutto ad amore.
Al regal Licomede
richiesta, mia dolce metà, sarai.

DEIDAMIA
Poi fra perigli bellicosi andrai.

ACHILLE
Non è degno di te cuor timoroso.

DEIDAMIA
Vorrai dunque partir?

ACHILLE
Sì, ma tuo sposo.

DEIDAMIA
S'inganna il tuo pensiero:
non è degno di me cuor così fiero.
Non mi mancan guerrieri, e te non amo.
Finsi amar per tradirti: ecco chi bramo.


SCENA V
Ulisse, e detti.

ACHILLE
Antiloco, opportuno or qui giungesti.
Deidamia ti brama:
pensò all'offerta del tuo core, e t'ama.
Ma se intendi acquistar gloria fra l'armi,
celane il gran pensiero
o tradito sarai: t'ho detto il vero.
Vuol partire.

ULISSE
Figlio di Teti, arresta il piè. Già noto
m'è il vostro affetto degno:
momentanea in amor vita ha lo sdegno.
Antiloco io non son: l'itaco Ulisse
in me tu vedi. Io, per il greco onore,
di Penelope bella
lascio il tenero amore.
La timid'arte di Peleo per trarti
da sognato periglio
facilmente ingannai,
perché in te ritrovai
men di Peleo che della Grecia un figlio.
Deh, fortunati amanti,
uguale al nostro il vostro amor pur sia.
Dirà la greca istoria:
Achille e Deidamia,
del par che i dolci affetti, amar la gloria.

13 – Aria
ULISSE
Or pensate, amanti cori,
che le gioie più soavi
quelle son de' primi amori
sul bel fiore dell'età.
Ai momenti dilettosi
sieguon poi le cure gravi,
e i contenti de' riposi
sono gioie d'amistà.
Or pensate, etc.
Parte

Recitativo
ACHILLE
Sprone ad affetti, e al mio partir conforto,
tanto esempio non fia?
Achille e Deidamia
nelle glorie e in amore
saran men che Penelope ed Ulisse?

DEIDAMIA
Darmi conforto non può quel ch'ei disse.

ACHILLE
Perché vuoi dubitar di mia costanza?

DEIDAMIA
Perché se parti, o caro,
perdo del rivederti ogni speranza.
Me infelice! Di Morte
(immancabile oracolo il predisse)
la falce incontrerai d'Ilio alle porte.
All'ombra tua dunque sarò costante.

ACHILLE
L'oracol parla quel che vuol Calcante.
Ignoto è l'avvenir. Godersi importa
quel ben che la presente ora ti porta.
Fian l'Amor e la Gloria
le gioie mie: da te dipende l'una,
l'altra da me. Son nomi
immaginati sol, Fato e Fortuna.

14 – Aria
DEIDAMIA
Consolami,
se brami
ch'io viva a te, mio ben.
Confortami,
se m'ami:
pensa che nel tuo sen
quest'anima verrà.
Conservami
l'affetto,
ricordati
ch'aspetto
chi renderla dovrà.
Consolami, etc.
Partono


SCENA VI
Sala regia. Nerea e Fenice.

15 - Recitativo
NEREA
Scoperte son le mire
De’ politici amori.
Per involar un cor da un'alma fida,
veniste a offrirne i vostri falsi cori.
All'eroismo ogni viltà disdice.

FENICE
Per l'onor, per la patria il tutto lice.
Ma l'accusa m'offende:
è in me l'amor costante
delle più fine tempre.
T'amai dal primo istante,
e t'amerò per sempre.
T'offro il legame del verace affetto:
in Argo e in me regna, se vuoi.

NEREA
L'accetto.

16 - Aria
NEREA
Non vuo’ perdere l'istante:
senza creder all'amante
non si prova fedeltà.
Se t'accendon il desio
la tua gloria, l'amor mio,
gloria e amor m'accenderà.
Non vuo’ perdere, etc.


SCENA ULTIMA
Tutti.

Recitativo
LICOMEDE
Itaco prence, testimon sarai
che all'amistà col genitor d'Achille
e al dover verso Grecia io non mancai.
La grave età forzami all'ozio. Questo,
credi, è il primier momento
che spron d'invidia io sento.

ULISSE
Invidia generosa e di te degna!

17 - Recitativo
LICOMEDE
La destra tua di Deidamia, d'Achille
stringa il nodo amoroso.
Arrida poi l'arbitra dea del mondo
agli auguri di lor gloria e riposo.

18 - Duetto
ULISSE e DEIDAMIA
Ama:
nell'armi e nell'amar
puoi degno in te mostrar
l'eroe, l'amante.
Premio del tuo valor
sì bel sarà di cor
questo l'amor costante.
Ama, etc.

19 - Coro
CORO
Non trascurate, amanti,
gl'istanti del piacer:
volan per non tornar.
Se son le belle ingrate,
cangiate di pensier:
folle chi vuol penar.

Bitte lesen und beachten Sie die Copyright-Bestimmungen, bevor Sie eine Datei herunterladen!

Partitur

download